menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Resti di animali macellati in una borsa: macabro ritrovamento a pochi passi dall'Enpa

Nel sacco i resti di una pecora macellata abusivamente e due teste di anatidi

Macabro ritrovamento in strada a Monza. Domenica, nei pressi del rifugio Enpa di via San Damiano, è stata trovata una borsa abbandonata con all'interno resti di animali macellati abusivamente.

Ad accorgersi del sacchetto sono state due volontarie Enpa che, poco prima dell'orario di chiusura erano uscite per una passeggiata con alcuni cani. Lungo la strada, ormai tristemente nota per essere trasformata troppo spesso in una discarica a cielo aperto, tra rifiuti e sporcizia è spuntato il borsone. Nel sacchetto c'erano i resti di una pecora evidentemente macellata abusivamente e le teste di due anatidi.

A denunciare l'episodio è stato lo stesso Ente Nazionale per la Protezione degli Animali che nel fine settimana ha anche comunicato con rammarico il decesso di una pecora, intrappolata nel fango nell'area della Cascinazza e salvata.

Morta la pecora salvata dal fango

L'animale è stato recuperato e condotto al parco canile di Monza dove è stato immediatamente attivato il soccorso veterinario da parte dell’ATS. Sottoposta a lavaggio, disinfezione delle ferite con antibiotico e flebo idratante, la pecora sembrava essersi ripresa, seppur molto debilitata. Purtroppo le sue condizioni generali erano troppo compromesse e, nonostante le cure intensive, è morta durante la notte tra sabato e domenica.

Non è chiaro cosa abbia provocato le ferite, se un groviglio di filo spinato oppure i morsi di cani; e anche in questo caso non è facile stabilire se i cani da pastore l'abbiano aggredita oppure l'abbiano morsa nel tentativo di trarla in salvo. ENPA di Monza e Brianza valuterà nei prossimi giorni l’ipotesi di una denuncia per abbandono nei confronti del proprietario dell’animale, dopo che si sarà chiarito chi sia il proprietario dell'animale o di chi lo stesso fosse in custodia.

"L'unica certezza” - fanno sapre dall'Enpa - è che questo è l'ennesimo episodio di malgoverno di animali che si verifica nell'area Cascinazza, tristemente nota come luogo di attività pastorizia con usi barbari indegni di una città come Monza, effettuato sempre dagli stessi soggetti più volte denunciati”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Nel parco di Monza fiorisce l'aglio orsino: tutte le curiosità

  • Cronaca

    "Tesoro ritorna!" Una dichiarazione d'amore appesa sul palo della luce

  • Scuola

    Come sarà la maturità 2021? Tutte le risposte

Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento