Evasione fiscale e false fatturazioni, indagata l'imprenditrice Diana Bracco

Due gli avvocati dello studio di progettazione monzese Archilabo coinvolti: Marco Isidoro Pollastri e Simona Adele Calcinaghi. Concluse le indagini per un giro di false fatturazioni per un importo complessivo di 3 milioni di euro

Diana Bracco

Le indagini condotte dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza hanno portato alla luce un giro di false fatturazioni imputabile alla società Bracco Spa per un totale di circa 3 milioni di euro.

L'avviso di conclusione delle indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Francesco Greco, è stato notificato dal pubblico ministero Giordano Baggio a Diana Bracco, presidente della Bracco Spa, Pietro Mascherpa, presidente del cda e firmatario delle dichiarazioni della Bracco Real Estate srl e ai titolari dello studio di progettazione Archilabo di Monza, Marco Isidoro Pollastri e Simona Adele Calcinaghi.

​L'imprenditrice è indagata dalla Procura di Milano per false fatturazioni ed evasione fiscale: gli illeciti contestati fanno riferimento a 3 milioni di euro liquidati con fatture emesse tra il 2008 e il 2013 dalla Bracco Spa per lavori eseguiti non nei locali dell'azienda ma in case e barche di proprietà di Diana Bracco e del defunto marito Roberto De Silva. Spese personali che sarebbero state invece contabilizzate e fatte risultare nei bilanci della società. 

Tutti gli imputati sono accusati di appropriazione indebita aggravata dall'aver commesso il fatto con abuso di relazioni d'ufficio. Nello specifico su Diana Bracco e Pietro Mascherpa grava anche la responsabilità di concorso di violazione dell'articolo 2 del decreto legislativo 74/2000 mentre i contitolari dello studio monzese Archilabo, Pollastri e Calcinaghi, sono accusati di concorso in emissione di fatture per operazioni inesistenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 5 marzo scorso dal giudice per le indagini preliminari Roberta Nunnari è stato disposto un sequestro preventivo di beni per un valore complessivo di oltre un milione di euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In vacanza in Romagna vince 500.000 €: il proprietario del bar la riaccompagna in Brianza

  • Birra, film, concerti e gite nelle grotte: ecco che cosa fare nel weekend a Monza e Brianza

  • Incendio a Brugherio, fiamme devastano un camper: alta colonna di fumo nero

  • Omicidio in Brianza, strangola la moglie a letto e finge caduta: donna muore in ospedale

  • Bollettino coronavirus: un nuovo caso Monza e la Brianza, crescono i ricoveri

  • Pustole e bruciori alla pelle dopo il bagno al lago: come si cura la dermatite del bagnante

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento