Cronaca Brugherio

Brugherio, organizza funerali abusivi con una licenza contraffatta

Da anni organizzava cerimonie funebri con una licenza modificata manualmente. Non aveva infatti mai sostenuto l'esame per ottenere legalmente il permesso per svolgere il suo lavoro nel campo delle pompe funebri

BRUGHERIO  - Oltre al dolore la beffa. Una particolare storia di abusivismo ha interessato la città di Brugherio, o meglio il suo cimitero. Sono stati infatti dichiarati "non a norma" alcuni funerali recentemente organizzati da G.N., imprenditore sessantacinquente operante nel campo delle pompe funebri del comune brianzolo.

L’uomo sarebbe stato denunciato da un ex socio, che dubbioso, avrebbe richiesto l’intervento delle autorità per il sospetto che il  vecchio compagno d’affari avesse falsificato la licenza, documento indispensabile per svolgere tale lavoro. Dopo le prime indagini della Polizia locale, il dubbio  si è trasformato in  certezza. Il reato era stato  commesso nel 2004. In quell’anno l’uomo avrebbe infatti corretto, con l’aiuto del bianchetto, il certificato rilasciato normalmente dopo aver superato un esame, autorizzandosi - da solo  - ad accedere al registro dell’Ufficio Anagrafe. Un reato molto grave, che ha permesso  al truffatore di aprire una propria attività. Sarebbe infatti in questo modo  passato  dallo status di collaboratore a proprietario di un' agenzia di onoranze funebri.

Titolo ottenuto, ma senza studiare e sostenere l’esame richiesto, insomma. Reato aggravato poi, dal tentativo del falsario di coprirlo facendo sparire le tracce della malefatta. Le denunce rimediate (abuso della professione e inquinamento delle prove) non lo avrebbero però fermato dal riprovarci. Recentemente infatti il sessantacinquenne avrebbe infranto nuovamente la legge portando a termine alcune cremazioni a Milano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brugherio, organizza funerali abusivi con una licenza contraffatta

MonzaToday è in caricamento