Cronaca

Trovata una persona morta in una chiusa alle porte della Brianza

Il ritrovamento sabato 26 giugno a Trezzo

Foto di repertorio

Un'altra persona rinvenuta prima di vita in acqua. Oltre alla donna il cui corpo è stato ripescato la mattina di sabato 26 giugno nel Naviglio Grande, all'altezza di Vermezzo Con Zelo, nel pomeriggio della stessa giornata, verso le 14, i vigili del fuoco hanno recuperato il cadavere di un uomo in una chiusa della centrale elettrica a Trezzo sull'Adda (Milano).

Sul posto, oltre al nucleo sommozzatori dei caschi rossi, sono intervenuti anche i carabinieri, che al momento stanno svolgendo accertamenti per identificare la vittima, la quale non avendo con sé documenti, non ha potuto essere identificata. Al momento le sue generalità restano ignote. 

Il corpo senza vita si trovava in stato di decomposizione, per questo l'ipotesi è che si trovasse in acqua da tempo. Il tragico ritrovamento è avvenuto in via Leonardo da Vinci a Trezzo, all'interno delle griglie delle bocche di carico dell'acqua della centrale idroelettrica, nelle adiacenze dell'Adda. Dai primi rilievi sull'uomo non sono stati evidenziati segni di violenza: è possibile che all'origine della morte vi sia un gesto volontario.

Dove e come chiedere aiuto

Parlare di suicidio non è semplice. Se stai vivendo una situazione di emergenza puoi chiamare il 112. Se sei in pericolo o conosci qualcuno che lo è, puoi chiamare il Telefono Amico al numero 02 2327 2327 (servizio attivo tutti i giorni dalle 10 alle 24) oppure puoi metterti in contatto attraverso la chat di Whatsapp al numero 345 036 1628 (servizio attivo tutti i giorni dalle 18 alle 21).  In alternativa, puoi rivolgerti a Samaritans Onlus al numero 06 77208977 (costi da piani tariffari del tuo operatore), un servizio attivo tutti i giorni dalle 13 alle 22.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trovata una persona morta in una chiusa alle porte della Brianza

MonzaToday è in caricamento