menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nasce la bimba e rinchiudono il cane in garage: salvo dopo 5 mesi di "prigionia"

Il fatto è successo a Monza. La segnalazione anonima è arrivata all'Enpa. I volontari, intervenuti con i vigili, hanno scoperto che l'animale era stato recluso nel box perché la bambina era allergica al pelo. Restava tutto il giorno al buio, la sera una breve passeggiata

Nasce la figlia e il cane finisce dal salotto al garage: recluso tutto il giorno in uno spazio buio e angusto.  La sera, quando il proprietario rincasava, lo portava fuori per una breve passeggiata.
Il fatto succede a Monza, protagonista una famiglia cinese che, all’arrivo della polizia locale e dei volontari del Nucleo anti maltrattamento dell’Enpa di Monza, si è giustificata affermando che il cane (un bell’esemplare di meticcio bianco di sei anni) era stato messo in garage perché la bambina era allergica al pelo.

La segregazione è durata circa cinque mesi: la segnalazione anonima è arrivata all’Ente nazionale protezione animali di Monza che si è subito attivata per verificare la situazione e intervenire.
Dopo aver monitorato il box sono stati effettuati appostamenti per alcuni giorni e in diverse fasce orarie. Il cane, ormai abituato alla sua condizione di recluso, non si lamentava. Poi l’intervento: quando il proprietario, alla presenza dei vigili, ha aperto la serranda del garage i volontari si sono trovati di fronte a un cane mansueto che viveva in uno spazio ridotto e angusto, in una condizione di forte stress e frustrazione. Fortunatamente, malgrado la reclusione, aveva mantenuto il suo spirito docile e mansueto, un carattere socievole anche con i proprietari malgrado lo avessero sfrattato da casa e isolato nel box.

Il cane è stato portato nel rifugio dell’Enpa di Monza dove è stato sottoposto alle visite di controllo: non veniva vaccinato dal 2016, ma era in buone condizioni fisiche. I volontari lo hanno ribattezzato Garage e adesso è in attesa di una famiglia che gli apra le porte della casa e del cuore.Per informazioni inviare un’email a canile@enpamonza.it.

“Queste situazioni ci vengono segnalate dai cittadini – spiega Giorgio Riva, presidente dell’Enpa di Monza -. Fonti preziose che ci segnalano in totale anonimato situazioni di maltrattamento e/o di malgoverno dell’animale. Il canile di Monza, gestito dall’Enpa, fornisce un aiuto ai proprietari che si ritrovano in condizioni di difficoltà ritirando l’animale. Un accordo che abbiamo sottoscritto con i Comuni che sono consorziati”.

Certo, non devono essere problemi futili: Enpa verifica situazione per situazione e poi, nei reali casi in cui il proprietario non può più permettersi di tenere l’animale, viene ritirato.
“Per esempio nel caso della morte del proprietario o del suo ricovero in casa di riposo dove il cane non può essere accolto – conclude -. Oppure gli animali di extracomunitari che devono ritornare al Paese d’origine, o nel caso di allergie certificate. Purtroppo aumentano anche gli episodi di persone che prendono cani di razze che non sono poi in grado di gestire”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    "Tesoro ritorna!" Una dichiarazione d'amore appesa sul palo della luce

  • Scuola

    Come sarà la maturità 2021? Tutte le risposte

  • social

    Festa del Gatto, dove adottare un felino a Monza

Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento