rotate-mobile
Cronaca Usmate Velate

L'associazione resta senza sede: cani, conigli e capre in mezzo alla strada

L'appello dell'associazione Green House

L'associazione resta senza casa e se in tempi record non si troverà una nuova sistemazione cani, capre, conigli, galline, papere e tartarughe d'acqua rimarranno (con i volontari) in mezzo alla strada. Sono disperati i volontari dell'associazione Green House di Usmate Velate. Come già raccontato a gennaio da MonzaToday l'associazione entro la fine di luglio avrebbe dovuto trovare un nuovo terreno dove accogliere gli animali. Fin da subito era iniziata la ricerca e anche la raccolta fondi. Fino a poche settimane fa l'operazione sembrava ormai fatta. Ma poi è arrivata la doccia fredda: non è stato trovato l'accordo tra il proprietario del terreno e l'associazione e dal 31 luglio Green House non avrà più una sede fisica, e i suoi animali non avranno più una casa.

"Siamo disperati: aiutateci"

I volontari sono disperati. E hanno chiesto aiuto anche attraverso i social. "Siamo molto dispiaciuti, ma non ci arrendiamo - si legge sulla pagina Facebook del sodalizio -. Giunti a questo punto, con i lacrimoni agli occhi, dobbiamo annunciare che ci sarà un periodo in cui l'associazione vivrà (e continueremo a fare del nostro meglio) senza una sede fisica". L'associazione chiede aiuto alla rete. In primis per l'accoglienza momentanea degli animali in una zona sicura fino a quando non verrà trovata una soluzione. Servono spazi adeguati per ospitare due capre, quattro conigli, galline, papere e tartarughe d'acqua. 

Una casa per Jack e Rio

Ma attenzioni particolari servono anche a Jack e Rio, gli ultimi due cani in attesa di adozione. "Hanno bisogno di attenzioni particolari e vorremo continuare a seguirli noi personalmente, sempre finché non potremo riprenderceli - spiegano -. Basta un piccolo spazietto dove poter tirare su due box al volo, qualche struttura, qualsiasi cosa. Non sono cani di semplice gestion,  perciò uno stallo casalingo non è idoneo". Ma non solo: servono anche braccia forti e buona volontà. Qualcuno che aiuti i volontari a demolire l'attuale rifugio, che possa mettere a disposizione un garage o un magazzino per depositare momentaneamente le attrezzature. L'associazione è disposta a pagare lo stallo. 

Come aiutare

Ma la speranza è l'ultima a morire e i volontari di Green House sperano nel miracolo. "Poter riaprire il nostro rifugio - concludono -. Cerchiamo un terreno/ capannone, in affitto o valutiamo anche vendita, vorremmo un terreno di almeno 8.000 metri quadrati ma pur di ricominciare valutiamo tutto. Purtroppo non tutti i terreni sono idonei, anzi, il vero problema è che pochissimi possono ospitare una struttura di ricovero di animali di affezione: pertanto è necessario che sul terreno ci sia la possibilità per la nostra associazione di operare. Chi vuole aiutare l'associazione può telefonare al numero 379 2351342

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'associazione resta senza sede: cani, conigli e capre in mezzo alla strada

MonzaToday è in caricamento