Cronaca Via Mario Preda

Verano, precipita in cantiere per oltre quattro metri: restano gravi le condizioni dell'operaio

L'uomo, 58 anni, è ricoverato nel reparto di neurochirurgia dell'ospedale San Gerardo. Cantiere sottoposto a sequestro preventivo. La denuncia della Cgil: "Più controlli"

Il cantiere dove è avvenuto l'incidente a Verano

Restano gravi le condizioni dell'uomo di 58 anni che giovedì pomeriggio è rimasto coinvolto in un incidente sul lavoro all'interno di un cantiere a Verano Brianza. L'operaio, residente in città, impegnato nei lavori di realizzazione di un complesso residenziale in via Preda, per cause ancora in corso di accertamento è precipitato per oltre quattro metri all'interno del cantiere, finendo all'interno di una apertura di cemento e sbattendo la testa.

L'uomo al momento è ricoverato nel reparto di neurorianimazione dell'ospedale San Gerardo di Monza. L'area di cantiere, in seguito al sopralluogo effettuato dal personale dell'Ats nel tardo pomeriggio di giovedì è stata sottoposta a sequestro preventivo.

I soccorsi

Intorno alle 14.30 in via Preda sono giunti i soccorsi del 118 con un'ambulanza e l'elicottero che è atterrato poco distante insieme alla polizia locale del comune brianzolo e i carabinieri della compagnia di Seregno.

incidente sul lavoro cantiere carabinieri-2

Secondo quanto al momento ricostruito il 58enne sarebbe caduto da un'altezza di oltre quattro metri metri, sbattendo la testa. L'operaio sarebbe precipitato attraverso un ponteggio a ridosso di un edificio di cemento in costruzione, finendo all'interno di una botola. L'uomo - che al momento dei soccorsi era privo di sensi - è stato accompagnato in elicottero all'ospedale San Gerardo di Monza in codice rosso. Le sue condizioni sono gravi e la prognosi è riservata. 

La Cgil: "Servono più controlli"

“Ci risiamo, aumentano le ore lavorate e il rischio di trovarsi di fronte a incidenti aumenta”, commenta con rammarico Giulio Fossati, segretario Cgil Monza e Brianza, intervenuto sul luogo dell’incidente insieme al sindacalista Fausto Longoni della Fillea Cgil di Monza e Brianza.

“Ancora una volta una caduta dall’alto che dimostra che continuiamo a ferirci negli stessi modi – commenta ancora il segretario della Cgil brianzola –; un incidente simile aveva avviato la brutta serie di infortuni mortali del 2019 – ricorda Fossati –, vogliamo sperare che la ripresa economica non ci restituisca nuovi infortuni e nuove morti sul lavoro”.

“Dobbiamo continuare a promuovere la cultura della sicurezza e per questo occorre tempo, ma per fermare gli incidenti per mancata applicazione delle norme e per l’assenza delle protezioni necessarie nei cantieri, serve accrescere il numero delle ispezioni e per questo motivo chiediamo con forza un aumento del personale ispettivo di Ats Brianza”, aggiunge. “Altro che sospendere il codice degli appalti! Chiediamo ulteriori provvedimenti come la patente a punti delle imprese che lavorano nei cantieri per alzare il livello di sicurezza nei luoghi di lavoro”, conclude il segretario della Cgil di Monza e Brianza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verano, precipita in cantiere per oltre quattro metri: restano gravi le condizioni dell'operaio

MonzaToday è in caricamento