Cronaca

"Il Capitale Umano" di Virzì candidato all'Oscar, nominato il film delle polemiche

A rappresentare l'Italia al premio ci sarà il film del regista livornese che racconta la Brianza come una "paesaggio gelido e minaccioso"

Aveva fatto tanto parlare di sè ancora prima di approdare nelle sale e ora il film che dipinge la Brianza come un "paesaggio gelido, ostile e minaccioso" e pieno di "villette pretenziose", quasi una rivisitazione delle "villule" gaddiane, è stato candidato all'Oscar come miglior film in lingua non inglese.

L'annuncio è arrivato mercoledì mattina dopo che la Commissione di Selezione per il film italiano da candidare all’Oscar istituita dall’Anica su invito della Academy of Motion Picture Arts and Sciences si è riunita riunita e ha scelto “Il capitale umano” di Paolo Virzì per rappresentare il cinema italiano.

Dopo l'intervista che il regista aveva rilasciato al quotidiano La Repubblica l'assessore provinciale al Turismo Andrea Monti avea replicato duramente alle parole con cui Virzì aveva argomentato la scelta dell'ambientazione brianzola per il suo film sul capitalismo dei tempi moderni: "Uno schiaffo, se non un insulto, a tantissimi brianzoli, che hanno costruito le proprie casette, grandi o piccole che siano, con la fatica e il sudore, figli di quella tradizione che li ha cresciuti con il dogma del laùra" aveva commentato Monti. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il Capitale Umano" di Virzì candidato all'Oscar, nominato il film delle polemiche

MonzaToday è in caricamento