Cronaca

La scelta animalista di un bar di Monza fa scuola fino a Napoli

Anche Gino Sorbillo ha esposto un cartello che recita: "Indossi una pelliccia? No pizza"

Da Monza a Napoli in nome del rispetto degli animali. La decisione di un bar monzese di esporre sulla porta di ingresso un cartello che vieta l'ingresso a chiunque indossi una pelliccia ha fatto parlare di sè per tutta la Penisola e qualcuno ha anche deciso di prendere posizione e imitare il cartello.

"Indossi una pelliccia? No pizza". Un messaggio chiaro e inequivocabile che da qualche giorno è comparso anche a Napoli, a ottocento chilometri di distanza. Il cartello è stato esposto da Gino Sorbillo, il noto pizzaiolo napoletano che all'ombra del Vesuvio, in via Tribunali, ha la sua pizzeria.

A rendere nota la decisione sono stati il consigliere campano dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e Gianni Simioli della trasmissione 'La radiazza'.

Si tratta di “un segnale di attenzione verso i diritti degli animali che ci auguriamo possa essere seguito anche da altri ristoratori", spiegano. “Nella pizzeria di Sorbillo, in via Tribunali, non sarà permesso l'ingresso a chi indossa la pelliccia perché è un capo che dimostra, platealmente, la violenza gratuita con cui vengono trattati gli animali che addirittura vengono uccisi per poter creare abiti non certo indispensabili".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La scelta animalista di un bar di Monza fa scuola fino a Napoli

MonzaToday è in caricamento