Violenza Carugate, incidente probatorio: la ragazza accusa i due rumeni

La vittima ha confermato la ricostruzione degli inquirenti. La giovane era stata avvicinata a Milano, in piazzale Cadorna dai due balordi, che con una scusa scherzosa l'avevano convinta a salire in macchina

MONZA - Violenza sessuale di Carugate, questa mattina si è tenuto l'incidente probatorio. Di fronte al gip del tribunale di Monza dottoressa Anna Magelli si è presentata la giovane cittadina svizzera vittima della violenza qualche giorno fa. Nonostante le difficoltà dovute al trauma psicofisico subito, la giovane ha confermato in tutto e per tutto la ricostruzione investigativa dei Carabinieri. La ragazza si trova ancora ricoverata al Niguarda di Milano: farà ritorno in Svizzera una volta adempiute le funzioni processuali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA RICOSTRUZIONE- La giovane era stata avvicinata a Milano, in piazzale Cadorna dai due balordi, che con una scusa scherzosa l'avevano convinta a salire in macchina. L'hanno portata quindi in una cascinale nei pressi di Carugate, dove l'hanno violentata. Entrambi padri di famiglia, oprerai incensurati di 24 e 36 anni, l'hanno abbandonata poi  per strada poco distante.

LE RICERCHE - E' stato un passante a notare la ragazza, in stato confusionale, e a soccorrerla dando poi l'allarme. Immediate sono scattate le ricerche, che hanno portato all'individuazione dei due violentatori: uno era alla fermata della metro di Bussero, l'altro a Carugate. Secondo quanto riferito dai militari nel corso di una conferenza stampa, è stato un automobilista a consentire l'identificazione  di uno degli aggressori dopo avergli dato un passaggio: pochi chilometri dopo, però, incontrati carabinieri e ambulanze, aveva raccontato l'episodio consentendo l'arresto.

LA VITTIMA - La giovane vittima, di nazionalità svizzera, si trovava in Italia a quanto pare senza fissa dimora, circostanza confermata dai pochi effetti personali che aveva con sè.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Gita da Monza, una giornata a bordo del Treno del Foliage per vivere la magia dell'autunno

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento