Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Desio

L'immobile confiscato alla mafia diventa la Casa dei Papà separati

A Desio

Nell'immobile confiscato alla mafia ora c'è la Casa dei Papà separati. A Desio, in via Adamello, in uno dei due appartamenti tolti dalle mani della criminalità organizzata è nato il progetto con finalità sociali che vuole accogliere i primi ospiti.

Il progetto

Si tratta di un centro non si occupa esclusivamente di offrire ai padri separati in difficoltà una casa a un costo sostenibile, ma anche di dare loro un supporto nei percorsi di ricostruzione sociale e di rafforzamento delle competenze genitoriali. Il progetto ha previsto inoltre spazi comuni, in cui poter valorizzare l’esperienza di mutuo, aiuto e una ludoteca, spazio di convivenza padre\figlio. Ulteriori beneficiari del progetto saranno gli stessi figli delle coppie separate, divorziate o in via di separazione. L’edificio è stato reso idoneo a ospitare otto adulti (padri separati) per un periodo massimo di dodici mesi, eventualmente rinnovabili e, per i cittadini di Desio, ci saranno agevolazioni rispetto all’eventuale lista di attesa e durata della permanenza.

Si tratta di una struttura sequestrata nel corso di un’operazione per contrastare la criminalità organizzata che sta per diventare un centro in grado di fornire opportunità e supporto ai papà che, nel corso della loro separazione, trovano difficoltà a reperire un alloggio per sé e per offrire ai propri figli uno spazio di incontro adeguato. E’ una villa indipendente di circa 270 metri quadri su tre livelli, con giardino di circa 150 metri quadri e un box auto al piano seminterrato di circa 84 metri quadri. Nel corso del 2018 è stata offerta l’opportunità a realtà del terzo settore di poter entrare in possesso del bene per creare progetti innovativi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'immobile confiscato alla mafia diventa la Casa dei Papà separati

MonzaToday è in caricamento