rotate-mobile
Disagi / San Giuseppe / Via Giulio Silva

Ascensore rotto nelle case comunali: disabile portato a braccia dai vicini

Succede a Monza nella palazzina di via Silva. Un condominio di 7 piani, con molti inquilini anziani

L'ascensore è rotto da quasi una settimana e Luca per andare al lavoro deve farsi portare a braccia su e giù dalle scale dai suoi vicini. Succede nelle case comunali di via Silva a Monza. La segnalazione arriva da Michele Quitadamo, referente di A.si.a (Associazione inquilini abitanti).

Il grande cuore dei vicini

Nella palazzina di 7 piani nel quartiere di San Giuseppe il 22 luglio l'ascensore si è rotto. Un bel disagio per gli inquilini. Soprattutto per Luca che vive al secondo piano. L'uomo, 50 anni, costretto sulla sedia a rotelle ogni giorno per andare al lavoro viene aiutato dai suoi vicini per scendere e per risalire le scale. "Gli inquilini hanno immediatamente telefonato al call center per avvisare del guasto - spiega Quitadamo -. Gli hanno risposto che si sarebbero attivati per ripararlo". Dopo pochi giorni i tecnici sono usciti per i controlli del caso, l'ascensore ha ripreso a funzionare per qualche ora. Poi di nuovo fermo. "A quel punto abbiamo contattato l'ufficio tecnico del comune di Monza - prosegue Quitadamo -. Prima ci hanno riferito che c'erano poche disponibilità economiche, poi che non avevano ancora ricevuto la relazione tecnica dall'azienda. Che noi abbiamo subito contattato, ma ci ha assicurato di aver mandato tutti i documenti necessari".

Un aiuto agli inquilini fragili

Nel frattempo i disagi sono continuati. "Non solo per Luca che se non ci fossero stati i suoi vicini avrebbe anche rischiato di dover dormire nell'androne. Ma anche per gli inquilini dei piani alti dove vivono soprattutto persone anziane. Come sempre a vincere è stata la solidarietà. Una grande disponibilità da parte delle persone che si sono organizzate per le commissioni per i vicini più fragili che, in via Silva, oltre a dover fare i conti con il caldo devono anche fare i conti con l'ascensore rotto". I più giovani si sono quindi messi a disposizione dei più anziani per andare a fare la spesa, portare l'acqua, andare dal medico a ritirare le ricette o in farmacia ad acquistare le medicine. Un clima di grande umanità, solidarietà e spirito di comunità che da sempre contraddistingue il plesso comunale di via Silva. 

L'intervento del comune di Monza

Nel frattempo il referente monzese di A.si.a non si è perso d'animo e si è rivolto immediatamente agli assessori. "Mercoledì ho scritto un'email al vice sindaco Egidio Longoni al quale ho spiegato l'accaduto e mi ha messo in contatto con l'assessore alla partita Andreina Fumagalli - prosegue -. Si è dimostrata molto disponibile: nell'arco di poche ore mi ha ricontattato e mi ha spiegato di essersi attivata per cercare di risolvere il prima possibile il problema. Ha chiamato l’azienda. Ci vogliono i tempi tecnici visto che l'ascensore è vecchio e non è facile reperire velocemente il pezzo. Apprezzo la tempestività con cui è intervenuta e mi auguro che si torni il prima possibile alla normalità". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ascensore rotto nelle case comunali: disabile portato a braccia dai vicini

MonzaToday è in caricamento