L'azienda chiude e licenzia tutti i dipendenti: novantasette lavoratori a casa

Succede a Carugate, alle porte di Monza

Manifestazione alla Ceme (Foto Cisl Milano)

L'azienda chiude lo stabilimento e licenzia tutti i dipendenti. Succede alla Ceme di Carugate, fabbrica alle porte di Milano che produce valvole di sicurezza per per elettrodomestici. La società di punto in bianco ha deciso di lasciare per strada novantasette lavoratori (novanta operai e sette impiegati).

A darne notizia è la Fiom che ha programmato uno sciopero per venerdì 9 giugno.

Un fulmine a ciel sereno: «Negli incontri di routine tra il gruppo dirigente dell’impresa, sindacato e rappresentanti dei lavoratori e in alcuni casi anche di Assolombarda, che si sono susseguiti fino alla fine di aprile, mai è stata pronunciata la parola “esuberi”, mai è stata ventilata la possibilità che la fabbrica venisse chiusa», precisano le parti sociali in una nota.

La doccia fredda è arrivata martedì 5 giugno: stabilimento chiuso e lavoratori a casa.  Secondo la Fiom non mancano gli ordini: «Il lavoro c'è, solo che viene esternalizzato». Non solo, l'azienda — in un documento inviato alle parti sociali — ha spiegato che la «riduzione dei costi attraverso la chiusura dello stabilimento comporterà, immediatamente, un notevole efficientamento dell’intera organizzazione aziendale». Tradotto: con la chiusura ci saranno meno spese e aumenteranno i margini economici. «In questo caso — tuona la Fiom— c’è un elemento di barbarie che va oltre i licenziamenti e la chiusura di una fabbrica: c’è l’arroganza di un gruppo dirigente aziendale che senza alcun preavviso, senza alcuna discussione, cancella un’attività e 97 posti di lavoro. È inaccettabile, nella sostanza e per la prassi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La società non è intenzionata a tornare sui suoi passi. «L’azienda — si legge in una nota di Ceme — non ha preso facilmente questa che è l’unica scelta possibile, perché è ben conscia del suo impatto sociale soprattutto nella comunità di Carugate; Ceme si augura di poter avviare al più presto la fase di confronto con le parti sociali».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento