"China Center"ad Agrate: la provincia non ci sta e ricorre al Tar

Motivo del ricorso la "sostenibilità dei carichi urbanistici sulla rete della mobilità". Il mega centro commerciale avrà una superficie di quasi 35mila metri quadri

MONZA - La Provincia si mette di traverso e con un ricorso al Tar mira ad impedire la costruzione del più grande centro di commercio all'ingrosso cinese in Europa. Motivo del ricorso la "sostenibilità dei carichi urbanistici sulla rete della mobilità, anche alla luce dello studio di fattibilità in corso per il potenziamento delle Sp 13 e 21". Il nuovo centro commerciale, quasi 35mila metri quadri, sarebbe insomma troppo impattante per la viabilità, opinione non condivisa dal sindaco di Agrate, Ezio Colombo, che ha  affermato che la questione non sia di competenza provinciale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento