menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cos'è la "certificazione verde" per uscire dalla Lombardia e come si ottiene

La bozza del decreto Draghi introduce le certificazioni verdi per spostarsi tra regioni

Cadono, quasi del tutto, i confini tra le regioni italiane dopo lo stop agli spostamenti imposto per l'emergenza covid. Nella bozza del prossimo decreto Draghi che il consiglio dei ministri approverà nelle prossime ore fanno la loro comparsa, infatti, le "certificazioni verdi". 

Si tratta del pass studiato dall'esecutivo guidato dal premier Mario Draghi per permettere ai cittadini di spostarsi liberamente tra le regioni a prescindere dai colori. In bianco e in giallo - colore di cui dovrebbe "tingersi" la Lombardia dal prossimo lunedì - i movimenti saranno totalmente liberi, mentre per le regioni in arancione e rosso servirà appunto il "lasciapassare", che entrerà in vigore dal 26 aprile. 

Le certificazioni verdi per spostarsi tra le regioni 

"Gli spostamenti in entrata e in uscita dai territori delle regioni e delle province autonome collocati in zona arancione o rossa sono consentiti ai soggetti muniti delle certificazioni verdi", si legge nell'anteprima del decreto, come riporta Today.it. E ancora: "Dal 26 aprile 2021 cessano di avere efficacia le disposizioni di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto-legge 1 aprile 2021, n. 44, e sono conseguentemente consentiti gli spostamenti in entrata e in uscita dai territori delle regioni e delle province autonome che si collocano nelle zone bianca e gialla", prevede la bozza del nuovo Dl Covid messa a punto dal governo. Gli spostamenti in fascia rossa e arancione saranno però consentiti "ai soggetti muniti delle certificazioni verdi". 

Quindi: in zona bianca e gialla sarà possibile uscire dalla regione - per entrare in un'altra regione dello stesso colore -, ma anche in zona arancione e rossa sarà possibile valicare i confini regionali. Ma come si ottiene la "certificazione verde"?

Come si ottiene la certificazione verde

All'articolo 10 della bozza del decreto si spiega che le certificazioni verdi covid-19 sono rilasciate al fine di attestare "una delle seguenti condizioni":

  • avvenuta vaccinazione anti-Sars-Cov2, al termine del prescritto ciclo;
  • avvenuta guarigione da covi-19, con contestuale cessazione dell’isolamento prescritto in seguito ad infezione da Sars-CoV-2, disposta in ottemperanza ai criteri stabiliti con le circolari del Ministero della salute;
  • effettuazione di test antigenico rapido o molecolare con esito negativo al virus Sars-Cov2.

Il "pass" per muoversi tra le regioni - i cui aspetti pratici saranno chiariti nelle prossime ore - sarà quindi rilasciato a chi è già stato vaccinato con prima e seconda dose, a chi ha avuto il covid ed è guarito e a chi sarà in possesso di un test antigenico o molecolare con risultato negativo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento