Presi i "professionisti" delle auto rubate: traditi dallo scotch con cui avevano "trasformato" la targa

È successo venerdì a Cesano Maderno, nei guai due uomini di 55 e 66 anni

È stato un pezzo di scotch a metterli nei guai. La targa della loro Fiat Panda, infatti, era stata camuffata con uno strappo di nastro isolante: avevano trasformato una F in una E. Poi con il loro fare sospetto hanno attirato l'attenzione dei carabinieri e a seguito degli accertamenti per loro è scattata una denuncia per riciclaggio e ricettazione di autovetture. È successo nel pomeriggio di venerdì 15 marzo a Cesano Maderno, nei guai due pregiudicati di 55 e 66 anni, italiani e residenti tra la Brianza e la provincia di Bergamo. Il fatto è stato reso noto dai militari della compagnia di Desio.

Tutto è iniziato quando i militari della tenenza di Cesano Maderno, impegnati in un servizio di pattuglia per le vie della cittadina brianzola, hanno notato una Fiat Panda parcheggiata con all’interno due uomini: volti già noti alle forze dell'ordine, così sono scattati gli accertamenti.

Dai primi riscontri è emersa qualche anomalia, alla targa dell'auto corrispondeva un mezzo diverso: la sigla era stata modificata trasformando con un frammento di nastro nero una "F" in "E"; ripristinata la vera targa i militari hanno scoperto che l'automobile era stata rubata a Villasanta nel dicembre del 2018. Inoltre uno dei due soggetti aveva tra le mani le chiavi di un’Audi A3 che, ritrovata nelle vicinanze e sottoposta anch’essa ai dovuti controlli, si è rivelata essere stata rubata a Bollate nel febbraio del 2019.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutto ciò ha indotto i militari ad approfondire il controllo presso l’abitazione e la ditta cesanese di cui uno dei due soggetti è titolare; nel corso della perquisizione, i carabinieri hanno rinvenuto due cosiddetti "jammer", disturbatori di frequenze utilizzati per rendere impossibile il rintraccio e la localizzazione dei veicoli rubati, e numerose componenti di altre auto, nonché targhe di mezzi rubati in precedenza e già oggetto di ricettazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Bollettino coronavirus 21 ottobre, record di contagi: 4.126 in Lombardia e 671 a Monza e Brianza

  • Auto prende fuoco dopo incidente, passante spacca vetro e salva vita a un ragazzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento