Il negozio non ha i permessi, chiuso un alimentari a Monza

L'esercente, un cittadino egiziano

Non solo non aveva i permessi per vendere prodotti alimentari ma l'esercente egiziano titolare di un'attività in Fiume, non era nemmeno in regola con i documenti. E a scoprirlo, in seguito a un normale controllo all'interno del punto vendita monzese, sono stati gli agenti della Polizia Locale.

Il personale del comando di via Marsala in seguito a un accertamento all'interno del punto vendita ha riscontrato come il commerciante, un egiziano di 37 anni residente a Monza, non avesse la SCIA (segnalazione certificata di inizio attività) e fosse sprovvisto dunque di qualsiasi autorizzazione per la vendita di prodotti alimentari e non.

Sul conto dell'uomo però a pesare non sono state solo le irregolarità amministrative: dagli accertamenti effettuati dal personale in divisa infatti è emerso anche che il 37enne avesse diversi precedenti penali e che sul suo conto fosse stata emessa una nota di rintraccio da parte della Questura di Milano in seguito al diniego del permesso di soggiorno. 

L'uomo è stato accompagnato all'ufficio Immigrazione del capoluogo lombardo per le pratiche di rimpatrio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • Accoltella moglie in strada e inventa rapina, in casa droga: arrestato per tentato omicidio

Torna su
MonzaToday è in caricamento