Cronaca Cogliate

Si scatta un selfie con la droga che coltiva: arrestato spacciatore

In manette un 40enne

Ha mandato un selfie nel quale si è immortalato sorridente insieme alle sue «figlie» vegetali: alcune rigogliose piante di marijuana che coltivava con dedizione e pazienza nella vasca da bagno del suo appartamento.

L’amico, che ha ricevuto la foto, ha subito postato lo scatto su Facebook. E la frittata è stata fatta. I due «peter pan della droga» - entrambi quarantenni, uno residente a Cogliate, l’altro a Misinto - sono stati arrestati dai carabinieri di Seregno. Sempre più a caccia di reati sulla piazza virtuale del web.

Da tempo i militari stavano cercando di capire dove si trovasse la «piantagione» di droga che riforniva i due comuni delle Groane: piccoli, ma con una grande disponibilità di stupefacenti. Non potevano immaginare che la coltivazione si celasse tra le pareti insospettabili di un appartamento. Finché, a svelare il mistero, ci ha pensato il social network più diffuso al mondo. Disoccupato, il 40enne era in realtà occupatissimo a coltivare e a vendere droga. Nella taverna dell’appartamento, le forze dell’ordine hanno trovato 170 grammi di hashish in tre barattoli di vetro.

Nella stanza da letto, altri 130 grammi di erba. E in bagno? Undici piante, alte quasi due metri. Le stesse che erano finite su Facebook poche ore prima. Con una sola differenza: ora il 40enne aveva perso il sorriso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si scatta un selfie con la droga che coltiva: arrestato spacciatore

MonzaToday è in caricamento