rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Usmate Velate

Emergenza Ucraina, come mettere a disposizione una casa e come aiutare

I cittadini potranno segnalare la disponibilità di alloggi per favorire l’accoglienza. Le informazioni

La macchina della solidarietà, per garantire accoglienza a chi fugge dalla guerra, si è messa in moto in tutta la Brianza. E anche a Usmate Velate il comune sta lavorando in stretto contatto con prefettura di Monza, questura di Monza ed enti gestori per organizzare le risposte necessarie a fronteggiare l'emergenza umanitaria legata alla guerra in Ucraina con l’arrivo di profughi in fuga dal Paese. La prefettura di Monza e Brianza ha chiesto alle amministrazioni comunali di segnalare strutture per l'accoglienza o qualsiasi tipo di bene pubblico o privato che possa essere di ausilio. Il comune di Usmate Velate ha avviato una ricognizione sul territorio e intende coinvolgere in questo processo anche la popolazione per raccogliere l'eventuale disponibilità dei cittadini all'accoglienza e al sostegno della popolazione ucraina in fuga dalle proprie case presso i centri Prefettizi (CAS).

Il comune sta operando in sinergia con Offertasociale e le realtà del territorio per organizzare una rete di supporto all'accoglienza e per supportare le famiglie già ospitanti cittadini ucraini. “Il Comune di Usmate Velate è aderente alla rete SAI, sistema di accoglienza e integrazione, attraverso Offertasociale – affermano il Sindaco Lisa Mandelli e l’assessore alla Persona Greta Redaelli - tale rete mette a disposizione dei Comuni degli operatori per interventi territoriali che potranno essere messi a disposizione dei cittadini ucraini. Come Amministrazione vogliamo costruire una rete in cui condividere risorse, energie, competenze e informazioni che ci consentano di strutturare interventi mirati e di non lasciare soli né i cittadini ucraini né le famiglie che li accoglieranno”. Per raccogliere informazioni ed iniziative, sul sito del Comune di Usmate Velate è disponibile la sezione “Emergenza Ucraina” (https://www.comune.usmatevelate.mb.it/c108044/zf/index.php/servizi-aggiuntivi/index/index/idtesto/774) che verrà costantemente aggiornata con puntuali indicazioni utili alla cittadinanza, alle famiglie ospitanti e ai profughi ucraini.

Una mail dedicata all'accoglienza

Il comune di Usmate Velate ha attivato una apposita mail, emergenzaucraina@comune.usmatevelate.mb.it alla quale è possibile scrivere (indicando i propri recapiti per poter essere ricontattati) per: segnalare, da parte di privati cittadini, la disponibilità di strutture per l'accoglienza dei profughi, specificando informazioni sull'immobile fra cui indirizzo, metratura, presenza di arredi, etc. da inserire nella rete dei centri Prefettizi (CAS); segnalare, da parte di privati cittadini, la disponibilità ad accogliere profughi nella propria abitazione specificando spazi e informazioni relative al nucleo familiare ospitante (numero componenti); segnalare persone in arrivo sul territorio di Usmate Velate o già arrivate in città dall'Ucraina, per ricevere informazioni sui percorsi da intraprendere o per un sostegno nella ricerca di ospitalità; comunicare ulteriori modalità attraverso le quali i cittadini vogliano rendersi in qualsiasi modo disponibili. Non sono ancora pervenute al Comune informazioni da parte delle Prefetture riguardo a forme di accoglienza informali o in famiglia. E’ plausibile che queste informazioni siano inviate dai Prefetti o dal Ministero nei prossimi giorni.

Come registrare un cittadino ucraino

Come comunicato dalla Prefettura di Monza e Brianza e dal servizio immigrazione della Questura di Monza e Brianza: i cittadini provenienti dall'Ucraina sono regolari sul territorio italiano per 90 giorni e, di conseguenza, possono attendere l'evolversi della situazione prima di avanzare richiesta di protezione internazionale; i cittadini provenienti dall'Ucraina devono recarsi presso il Comando di Polizia locale per formalizzare la dichiarazione di ospitalità e la dichiarazione di presenza; Il Comune si preoccuperà di inviare contestualmente le due dichiarazioni alla Questura. La registrazione dei cittadini ucraini sarà fondamentale per la formazione di una banca dati utile non solo per il monitoraggio delle presenze, ma anche per dare il via ad azioni ed interventi di tipo sanitario (tamponi, vaccini, cure mediche) e di tipo scolastico per i minori. Per ogni ulteriore informazione è possibile presentarsi senza prenotazione presso il Comando di Polizia Locale di Usmate Velate.

Informazioni per i cittadini ucraini

I cittadini ucraini che arrivano in Lombardia sono invitati a segnalare la propria presenza al Consolato ucraino scrivendo una mail a: milanoconsolato1@gmail.com La comunicazione deve essere corredata dai dati essenziali (nome, cognome, data di nascita, contatti mail e telefonici, richieste di eventuale soluzione alloggiativa o comunicazione di ospitalità presso strutture, associazioni o familiari). In questo modo il Consolato potrà avere un quadro completo degli arrivi, raccogliere le necessità e coordinarsi con le istituzioni.

Raccolta viveri

Il comune di Usmate Velate, supportando un progetto solidale promosso dal Comune di Brugherio, sostiene la raccolta viveri a favore del campo profughi di Presov, in Slovacchia, dove già sono giunti migliaia di profughi della guerra in Ucraina. Una collaborazione che consentirà, attraverso una filiera tracciata e sicura, di poter aiutare chi sta scappando dai bombardamenti per raggiungere Presov, una città della Slovacchia situata a poco più di 120 km dal confine con l'Ucraina. A Usmate Velate, sarà possibile partecipare alla raccolta contribuendo a partire da giovedì 10 marzo con alimentari non deperibili, prodotti per bambini, medicinali e generi per l’igiene personale da consegnare in Municipio (presso i locali della Protezione Civile accendendo dal cortile interno) nei seguenti giorni ed orari: martedì, giovedì e sabato 9.30-11.30 e mercoledì 18-20. La raccolta viveri sarà gestita dai volontari del gruppo comunale di Protezione Civile, col supporto di amministratori e di privati cittadini che si renderanno disponibili per il confezionamento degli scatoloni e la suddivisione del materiale raccolto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza Ucraina, come mettere a disposizione una casa e come aiutare

MonzaToday è in caricamento