Concorezzo, stop alle banche anti-ambiente: volantini davanti a Intesa

Un movimento che ha raccolto adesioni in diverse città per protestate contro gli istituti che finanziano opere dannose per l'ambiente. "Solo in Pianura Padana 7.000 morti"

Roberto Brambilla questa mattina a Concorezzo

L'inquinamento provoca ogni anno 8.200 morti nelle 13 principali città italiane, di cui 7.000 solo nella Pianura Padana. Mille decessi ogni dodici mesi a Milano. "Che senso ha costruire altre strade?" Se lo domanda "Ferma la banca", una movimento di cittadini che per salvaguardare l'ambiente ha deciso di puntare il dito contro chi finanzia la costruzione di infrastrutture inquinanti. Il movimento si è collegato a una rete di  più di 40 associazioni, alcune delle quali voci storiche dell'ecologismo e presenti anche in Brianza. A Concorezzo c'era Roberto Brambilla, che questa mattina dalle 9  ha distribuito 150 volantini di fronte alla filiale di Banca Intesa di via Libertà.  Una scelta motivata del fatto che "si tratta della banca più esposta nei confronti di chi realizza le infrastrutture inquinanti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Brambilla è stato fino a poche settimane fa consigliere comunale in città; ha recentemente presentato le dimissioni per lasciare il posto al secondo eletto, seguendo l'accordo pre-urne sul mandato diviso a metà. "A fronte della costruzione di sempre nuove autostrade - recita il flyer -  il trasporto pubblico resta fermo. Ma le grandi opere di collegamento in Lombardia distruggeranno  53 milioni di metri quadri  di terreni agricoli (dati Coldiretti" . Nel mirino ci sono Pedemontana, Bre.Be.Mi., Tangenziale Est Esterna di Milano, e autostrada Cremona-Mantova. "Personalmente, ho già scritto al direttore della mia banca per chiedere spiegazioni - spiega Brambilla - Se non cambieranno politiche, l'ho informato che chiuderò i miei conti presso il suo istituto". L'invito è a fare altrettanto, rivolgendosi a banche più attente al tema ambientale. La rete aveva il suo "uomo" anche a Desio: sia lui che Brambilla hanno volantinato in contemporanea con Milano, Torino e Gessate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento