rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca Concorezzo

Geanfranco, tra i migliori barman con il cocktail a base di scarti della centrifuga

Il barman di Concorezzo si è classificato tra i 25 migliori professionisti italiani. Per la nuova fase del concorso internazionale presenterà un cocktail dedicato alla nonna da poco scomparsa

In cucina – così come dietro al bancone del bar – non si butta via nulla. Guai sprecare: con Geanfranco Chavez  i resti della centrifuga sono diventati  gli ingredienti di un cocktail che lo ha catapultato direttamente tra i 25 migliori barman italiani.
Un risultato importante su oltre 3mila partecipanti italiani al World Classe Bartender, una competizione riservata ai professionisti del cocktail.

Ma la gara non è ancora finita e Geanfranco - 27 anni, originario del Perù, ma da una vita trapiantato a Concorezzo, che lavora a Monza nel bar Dive – il prossimo 16 marzo passerà alla fase successiva del concorso presentando un cocktail dedicato all'amata nonna Florsita scomparsa recentemente.

“Per scaramanzia non voglio svelare troppo – racconta -. Posso solo anticipare che ho reso omaggio anche al territorio brianzolo con due ingredienti locali”. La speranza è quella di accedere alle fasi finali del concorso che lo porterebbero direttamente alla competizione internazionale.
Ma su quel primo cocktail ideato mentre la mattina si preparava la colazione, Geanfranco è un fiume in piena. “L’idea è nata per caso. Mi sono reso conto che nelle centrifughe una buona parte della frutta e della verdura viene buttata. È un peccato. Io ho pensato, seguendo una particolare preparazione, di renderli i protagonisti di un cocktail”.

Che cosa c'è nel cocktail a km zero

Una bevanda ecosostenibile a base di “scarti” di barbabietola, carota, mela, succo di limone e zenzero. Il tutto messo a bollire in acqua calda e quindi trasformato in una sorta di “cordiale” per poi diventare, con l’aggiunta del gin e del succo di limone, un vero cocktail.

Il rispetto dell’ambiente e l’utilizzo nelle materie prime del territorio sono un chiodo fisso per Geanfranco. Tanto che ha presentato all’Amministrazione comunale di Concorezzo due interessanti progetti “green”. Un progetto accolto positivamente dal sindaco Mauro Capitanio e dall’assessore Gabriele Borgonovo.

Due progetti per rendere più "green" Concorezzo

“Ho presentato due progetti – spiega -. Il primo prevede la sostituzione nelle aree verdi delle piante ornamentali con le piante mellifere che attirano le api, patrimonio fondamentale ma, purtroppo, in via di estinzione”.

Geanfranco ha poi presentato un progetto dedicato agli alunni più piccoli ma che, per adesso, a causa della pandemia resta fermo i blocchi di partenza. “La creazione di orti che vengono curati direttamente dai bambini e che alla fine dell’anno dai frutti ricavano anche gustosi e profumati regali. Per esempio trasformano il basilico in pesto, la lavanda in sacchettini profumati da mettere negli armadi”.
Nel frattempo Geanfranco non si ferma: contagiato dalla voglia di ritornare alla normalità, il super barman di Concorezzo pensa a nuovi cocktail dove, l’ingrediente principe, è l’esaltazione e la salvaguardia dei prodotti del territorio.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Geanfranco, tra i migliori barman con il cocktail a base di scarti della centrifuga

MonzaToday è in caricamento