Uccise la moglie in strada a colpi di pistola: condannato a 30 anni

Lo scorso 19 aprile uccise la moglie Valeria Bufo, freddandola con cinque proiettili, mentre era ferma in auto a un semaforo a Bovisio Masciago

Il gup del Tribunale di Monza Silvia Pansini ha condannato a trent'anni di reclusione Giorgio Truzzi, il 57enne di Seveso che lo scorso 19 aprile uccise, con cinque colpi di pistola, la moglie Valeria Bufo mentre la donna, 55 anni, era ferma al semaforo di corso Italia a Bovisio Masciago, diretta alla stazione ferroviaria dove l'aspettava la figlia di ritorno da scuola. 

Trent'anni e non l'ergastolo, come chiesto dal pm Stefania Di Tullio. La sentenza del processo, celebrato con rito abbreviato, è stata letta giovedì mattina in aula dove non era presente Truzzi. Oltre a trent'anni di reclusione per i reati di omicidio volontario aggravato e maltrattamenti, Truzzi è stato condannato a pagare un risarcimento provvisionale di 300mila euro a ciascuno dei tre figli. 

Dopo aver sparato alla donna e averla uccisa, freddandola a colpi di pistola nella sua auto, l'uomo, autista da tempo ossessionato dalla ludopatia e già in fase di separazione dalla moglie, si era costituito, confessando il delitto ai carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Decathlon, a febbraio si abbassano le serrande del negozio di Vignate

  • Scende dall'auto per togliere il telo sul parabrezza ma resta incastrata con la testa nella portiera: soccorsa donna

  • Valassina, lavori di manutenzione nel tunnel di Monza: le chiusure tra il 16 e il 20 dicembre

  • Incidente in Valassina, scontro tra tre auto: due persone in ospedale

  • Incidenti stradali, tre ragazzini investiti in ospedale in mezz'ora in Brianza

  • Dramma a Brugherio, trovati senza vita in casa un uomo e una donna

Torna su
MonzaToday è in caricamento