Uccise la compagna, pena dimezzata in appello

Giuseppe Merlini, originario di Besana Brianza, uccise in un raptus di gelosia la compagna, Loredana Vanoi, la notte tra il 24 e il 25 agosto 2012 a Mandello del Lario

Un tribunale

Giuseppe Merlini dovrà scontare solo 15 anni e 4 mesi di carcere per l'omicidio della compagna, Loredana Vanoi.

In appello la pena fissata a 30 anni dal gup Carlo Camnasio in primo grado con il rito abbreviato è stata dimezzata.

L'uomo, 67 anni, originario di Besana Brianza uccise la donna a Sondrio la notte tra il 24 e il 25 agosto 2012: per motivi legati alla gelosia le ha tolto la vita con un coltello e con il basamento in marmo di una coppa sportiva.

Lei era una maestra di Sondrio, 60 anni, lui magazziniere in un ditta brianzola residente a Mandello del Lario: si è costituito poco dopo aver commesso il delitto.

A dimezzare in appello la pena presso la seconda Corte d'Assise di Milano è stato il riconoscimento della non sussistenza delle aggravanti della crudeltà, dei futili motivi e dell'abuso di ospitalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento