menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Regione Lombardia siamo allo stremo, facci ripartire subito"

Il grido di disperazione di Confesercenti. La delegazione monzese in piazza chiede una ripartenza immediata e un aiuto concreto ai commercianti

“Le gente è esasperata: i commercianti e i piccoli imprenditori sono stremati e con fatica li abbiamo frenati dallo scendere in piazza a manifestare. Ma adesso chiediamo coraggio alla Regione Lombardia. Se dal Governo non arrivano segnali concreti e immediati, che sia il Pirellone a fare da apripista. Chiediamo di poter riaprire subito, naturalmente nel pieno rispetto delle prescrizioni covid, chiediamo la reintroduzione del canone concordato, e la riduzione o l’eliminazione delle tasse almeno per i prossimi due anni. I commercianti e i piccoli imprenditori di Monza e Brianza, così come quelli di tutta la Lombardia,  non vogliono continuare ad aprire e chiudere, vogliono ripartire definitivamente”.

"Serve un piano di aiuti biennale"

Così spiega a MonzaToday Ada Rosafio, delegata territoriale di Monza per Confesercenti che mercoledì 7 aprile ha manifestato a Milano sotto il Palazzo della Regione insieme agli altri dirigenti e delegati dell’associazione. La delegazione è riuscita anche ad avere un breve colloquio con il Governatore Attilio Fontana che li ha informati sul suo impegno a voler far tornare in zona arancione la Lombardia dopo il 20 aprile. Ma i rappresentanti chiedono di più. “Abbiamo bisogno di interventi immediati – prosegue -. Non ci conforta l’idea di un ritorno alla zona arancione, poi con il rischio di tornare a zona rossa”.

"Gli esercenti vanno subito vaccinati"

Rosafio ha le idee ben chiare e un progetto per la ripartenza, ma non a singhiozzo.  “Devono essere immediatamente vaccinati anche i nostri piccoli esercenti – continua -. Siamo noi che facciamo da traino all’economia nazionale. Chiediamo il credito aperto. Ci sono tanti piccoli commercianti, anche a Monza, che sono andati in prepensionamento. Ma avrebbero potuto portare avanti l’attività se ci fosse stata una garanzia economica da parte dello Stato. Oggi è difficile anche vendere un’attività: non c’è più mercato. Sono passati 400 giorni dall’inizio dell’emergenza sanitaria, i commercianti hanno lavorato pochi mesi e hanno dilapidato tutte le loro risorse”. Rosafio ricorda il problema anche dei dipendenti: pochi quelli con i contratti a tempo indeterminato rimasti in cassa integrazione con spesso soldi neppure arrivati; molto più ampia la percentuale di quei lavoratori a termine che non si sono visti rinnovare il contratto. E sono rimasti a casa senza un lavoro.  “Da parte del Governo vediamo solo tante belle parole ma non fatti – prosegue la monzese -. I Comuni sono allo stremo: privati e aziende in difficoltà economica non pagano i tributi. Gli interventi noi li chiediamo direttamente al Governo e alla Regione Lombardia, affinché sostengano le istituzioni locali.  Si parla tanto di indipendenza delle regioni, è arrivato il momento di passare dalle parole ai fatti”.

"Tutti i negozi devono poter riaprire"

Rosafio ribadisce l’urgenza di riaprire tutto e subito. “Non capisco perché i clienti possono stare in fila ed entrare contingentati nei negozi alimentari e non lo possano fare anche per gli altri negozi – prosegue -. Qui ci vuole un progetto serio di ripartenza, con sgravi fiscali e sostegno alle assunzioni per almeno i prossimi due anni. Il credito alle aziende di 25 mila euro, che con tanta fatica è stato ottenuto da alcuni esercenti, serve a poco o a nulla per la ripartenza”. Rosafio ogni giorno vive sulla sua pelle il grande disagio e la sofferenza dei colleghi, ma anche della popolazione. Una settimana fa ha aperto la sua attività commerciale di San Fruttuoso come magazzino per una raccolta alimentare e di vestiti poi consegnati alle famiglie del quartiere che, proprio a causa della pandemia, si sono ritrovate dall’oggi al domani in una condizione di indigenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il supermercato alle porte della Brianza dove 'si fa la spesa gratis'

Coronavirus

Per la Lombardia sarà l'ultima settimana in zona arancione?

social

Besana Brianza, in coda per il vaccino c'è Maurizio Vandelli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Come funziona la truffa del pacco (e come difendersi)

  • Economia

    Validità e regole per il bonus vacanze 2021

Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento