Furti in casa, come evitare brutte sorprese sotto l'albero

La Polizia di Stato ha reso noti alcuni suggerimenti per rendere più sicure le proprie abitazioni nel periodo natalizio, con l'obiettivo di scongiurare furti e visite di malintenzionati

Con l'arrivo delle festività natalizie e le numerose partenze in vista cresce la preoccupazione per la paura di ricevere visite inaspettate da parte di malintenzionati.

Per rendere più sicura la propria abitazione la Polizia di Stato, attraverso l'account social ufficiale, ha divulgato alcuni consigli e raccomandazioni utili accessibili a tutti. I suggerimenti, specifica il post su Facebook, si sono ispirati alle parole del questore di Prato Filippo Cerulo.

Tra le raccomandazioni riservate ai cittadini c'è il suggerimento di tenere accese alcune luci per dare l'impressione che all'interno dell'abitazione vi sia qualcuno anche se è sempre consigliata l'attivazione di un antifurto per scongiurare i furti.

Oltre alla massima attenzione a chiudere la porta, anche se si è presenti in casa, per evitare che i malviventi possano entrare nelle abitazioni o nelle relative pertinenze si suggerisce di non tenere all’interno dei box garage oggetti di valore, veicoli aperti o con chiavi di accensione al loro interno.

Se in casa si custodisce oro o denaro sarebbe meglio non riporlo in armadi, cassetti, quadri, interno di vasi o soprammobili perchè sono i primi luoghi dove i ladri cercano.

"Quando ti assenti per brevi o lunghi periodi sensibilizza i vicini a fare attenzione ad eventuali rumori o movimenti sospetti, evita che la posta si accumuli, pregando una persona di ritirarla e non lasciare messaggi alla vista di tutti che dimostrino la tua assenza" continua il vademecum della Polizia di Stato.

Tra i suggerimenti è riservata un'attenzione particolare anche all'allerta per eventuali truffe o raggiri che i malviventi sempre più frequentemente mettono in scena, fingendo di essere addetti del gas, dell'acqua o ancora forze dell'ordine. Nel caso in cui alla porta suoni qualcuno che veste un'uniforme si suggerisce di non aprire ma di accertarsi dell'identità della persona, magari telefonando all’ente preposto.

Di fronte a qualsiasi individuo o situazione sospetta l'invito è quello di chiamare il 113 o 112 cercando di comunicare in modo preciso e rapido gli elementi utili che permettano alla Polizia di verificare la fondatezza della segnalazione per un rapido intervento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento