Cronaca Via Stazione

Sorpreso a dormire in stazione e denunciato: nonostante il foglio di via torna "a casa"

L'uomo, un salentino di 41 anni, era stato colpito da un divieto di reingresso valido tre anni che doveva tenerlo lontano da Monza ma lo ha ignorato (per due volte)

Considerava i giardinetti e le panchine davanti alla stazione di Monza casa sua e da lì non aveva alcuna intenzione di allontanarsi. Anche perchè, forse, non aveva alcun altro posto dove andare.

Dopo che la scorsa settimana la polizia locale di Monza aveva sorpreso e fatto allontanare un uomo di 41 anni di origine salentina su cui pendeva un foglio di via obbligatorio dal capoluogo brianzolo valido per tre anni, mercoledì gli agenti lo hanno trovato di nuovo lì. 

Ciabatte ai piedi, valige in un angolo e qualche straccio sui cartoni stesi a terra per dare all'erba una parvenza di pavimento. Il 41enne, che in passato era stato coinvolto in alcuni episodi violenti avvenuti in stazione che gli erano costati l'allontanamento forzato dalla città, in seguito al mancato rispetto del provvedimento emanato dalla Divisione Anticrimine della Questura di Milano era già stato denunciato. 

Mercoledì, quando gli agenti lo hanno trovato di nuovo ai giardinetti incurante della denuncia, insieme ad altri due cittadini extracomunitari di origine marocchina con diversi precedenti alle spalle, hanno fatto scattare le multe. I tre sono stati sanzionati nel rispetto del Regolamento di Polizia Urbana per occupazione di suolo pubblico.  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sorpreso a dormire in stazione e denunciato: nonostante il foglio di via torna "a casa"

MonzaToday è in caricamento