Cornate, giovane vigile multa parroco: "Il funerale è contromano"

Il corteo seguiva il solito percorso utilizzato durante le cerimonie, ma l'inflessibile agente non ha sentito ragioni. Ci sarebbero stati attimi di tensione tra i due

Si chiama eccesso di zelo. A volte tradisce chi, pur bravo e volenteroso, finisce per essere eccessivamente fiscale. Quando poi a cadere nella trappola è un giovane vigile urbano, i risultati possono essere tragicomici. E' accaduto settimana scorsa a Colnago, frazione di Cornate d'Adda. 

Il parroco do Maurizio Calzoni stava celebrando un funerale. Il corteo funebre segue il solito percorso partendo dalla chiesa di Sant'Alessandro, quello di tante cerimonie, quando si trova di fronte il vigile. Che gli intima di cambiare strada e multa lui e l'agenzia funebre perchè il tratto è contromano per una cinquantina di metri. Pare che tra i due ci siano stati attimi di tensione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La vicenda risale alla settimana scorsa, se non sbaglio dovevano anche andare davanti al giudice di pace, ma non so come sia finita - cerca di minimizzare il vicesindaco Edgardo Capella - Credo sia consuetudine attraversare quella strada. So che di recente è accaduto per un altro funerale - ha concluso - e non mi risulta siano state elevate multe". Stasera il caso finirà davanti alla Giunta Comunale. Sicuramente sarà una seduta atipica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si butta a terra all'Esselunga: "Ho fame" e gli regalano spesa. Poi sputa alla guardia

  • Mascherina obbligatoria per uscire: 250mila distribuite gratis a Monza e Brianza

  • Al San Gerardo 20 ventilatori polmonari grazie alla donazione della famiglia Fumagalli

  • Coronavirus, in Brianza 111 nuovi casi: al via la distribuzione (gratis) di mascherine

  • Coronavirus, nuova crescita di casi in Brianza: 141 nuovi contagi. A Monza oltre 500 positivi

  • La lettera dell'infermiera del San Gerardo: "Ho stretto le mani di chi moriva solo"

Torna su
MonzaToday è in caricamento