Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Nel 2014 la crisi a Monza colpisce soprattutto il carrello della spesa: è caccia agli sconti

Sempre più persone acquistano generi di prima necessità scegliendo sulla base degli sconti: la crisi svuota anche il carrello della spesa

Il 2014 per i monzesi è iniziato all’insegna del risparmio. In Lombardia si fa attenzione a non svuotare il portafoglio soprattutto al supermercato: a essere più leggero infatti è proprio il carrello della spesa.

A parlare sono i dati dell’indagine “Famiglie e fiducia. Monza e Brianza, Lombardia” della Camera di Commercio di Monza che rivelano come la stretta sui consumi incida proprio sui generi di prima necessità.

Il 25% delle famiglie opta per i prodotti in promozione (solo a Monza è il 35% a fare così), il 10% per i primi prezzi e l’11% per i prodotti a marchio commerciale messi sul mercato dalle grandi catene di distribuzione. In pochi oggi restano fedelissimi di un solo supermercato o negozio perché sempre più persone fanno la spesa a seconda delle offerte.

Se a Monza si sceglie di stringere sugli sprechi e sui peccati di gola per risparmiare, nella più mondana Milano a rimetterci sono soprattutto le uscite con il 37% delle famiglie che riducono o rinunciano alle cene al ristorante e il 13% che passa il proprio tempo libero in casa.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel 2014 la crisi a Monza colpisce soprattutto il carrello della spesa: è caccia agli sconti

MonzaToday è in caricamento