Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

Robbiate, denunciato il titolare della ditta dove lavorava la 22enne investita

Il titolare della Pro-Plast è stato denunciato dai carabinieri dell'Ispettorato del lavoro: su 21 dipendenti sedici erano in nero. Rilevate anche gravi violazioni penali e amministrative in tema di sicurezza e maxi multa

E' ancora ricoverata in gravi condizioni all'ospedale Papa Giovanni di Bergamo la 22enne senegalese investita lo scorso 21 novembre da un pirata della strada che non si è fermato a prestare soccorso e rimasta in un prato, ferita, fino alla mattina successiva.

Dopo la denuncia di un brianzolo di Cornate d'Adda, presunto pirata, i carabinieri continuano a far luce sulla vicenda e indagano anche sugli ambienti frequentati dalla giovane. E' stato proprio nell'ambito di uno dei servizi di controllo connessi che è finito nei guai anche il titolare della ditta dove la 22enne lavorava come operaia. 

Su ventuno dipendenti impiegati dall'azienda infatti sedici erano in "nero".  Per questo è finito nei guai il titolare della Pro-Plast di Robbiate, denunciato dai carabinieri dell'Ispettorato del lavoro lo scorso sabato. Il presunto illecito è stato scoperto durante le indagini sull'incidente e i militari hanno scoperto che la 22enne senegalese risultava fra le uniche cinque persone assunte con regolare contratto. Dagli accertamenti sono emersi anche gravi violazioni penali e amministrative in tema di sicurezza sul luogo di lavoro. Il titolare, un 43enne originario della Romania e residente nella Bergamasca, è stato denunciato.

Nei suoi confronti, inoltre, è stato adottato il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale ed applicate ammende e sanzioni per complessivi 325mila euro. I carabinieri hanno anche informato dell'accaduto l'Inps e l'Agenzia delle Entrate per i recuperi contributivi e la verifica di eventuali ipotesi di evasione fiscale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Robbiate, denunciato il titolare della ditta dove lavorava la 22enne investita

MonzaToday è in caricamento