Vogliono iscriversi in palestra ma il proprietario non acconsente

I due, entrambi originari del Burkina Faso, hanno presentato una denuncia contro il titolare per discriminazione razziale e calunnia

Rifiuta l'iscrizione in palestra a due ragazzi

Sono andati in palestra per iscriversi e iniziare a frequentare il centro ma hanno incontrato il rifiuto del proprietario che oltre ad aver loro negato l'iscrizione ha insinuato che i due gestissero un'attività di spaccio nei dintorni.

E' stato per questo gesto che un cittadino vietnamita, gestore di una palestra a Trezzo sull'Adda, è stato denunciato da due ragazzi del Burkina Faso di 26 e 27 anni.

I due hanno effettuato la segnalazione ai carabinieri perchè convinti di aver subito una discriminazione razziale. 

Nella denuncia depositata in caserma i due ragazzi, parenti di Guebre Aboulsalam, il 19enne ucciso il 14 settembre 2008 a Milano nel corso di un episodio a sfondo razziale, contestano i reati di ingiuria, diffamazione e calunnia.

L'accusa di essere i responsabili di una presunta attività di spaccio nei pressi della palestra avanzata dal titolare del centro è stata esposta dalle due vittime ai carabinieri che non hanno confermato la presenza di un'attività di traffico di stupefacenti nell'area indicata che è al contrario una tranquilla zona residenziale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento