Cronaca

"Sono io", si spaccia per il cugino ai domiciliari: denunciati entrambi

Nei guai due cittadini ecuadoriani: uno denunciato per evasione, un altro per favoreggiamento aggravato

Denunciati dai carabinieri

Hanno provato a ingannare i carabinieri, non riuscendoci. Uno doveva essere ai domiciliari, ma era in giro. L'altro, un cugino, si è finto l'arrestato, nonostante - evidentemente - non lo fosse. Finale della "favola": due persone, un ecuadoriano di ventiquattro anni e un connazionale di ventitré, denunciati dai carabinieri di Bellusco. 

Nel corso degli abituali controlli, mercoledì sera, i militari non hanno trovato l'arrestato presso il proprio domicilio. Nella stessa casa, però, i carabinieri hanno trovato un altro cittadino ecuadoriano di ventitré anni, cugino dell'evaso, che - sfruttando la particolare somiglianza con il familiare - ha cercato di far credere ai militari di essere l'uomo costretto ai domiciliari. 

Dopo una rapida verifica, però, i carabinieri hanno scoperto che i due erano in realtà due persone diverse. Entrambi sono stati denunciati: uno per evasione, l'altro per il reato di favoreggiamento aggravato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sono io", si spaccia per il cugino ai domiciliari: denunciati entrambi

MonzaToday è in caricamento