Borse e accessori firmati rubati: scoperto un magazzino a Vedano al Lambro

Sette cittadini stranieri originari dell'Est Europa sono stati arrestati. Il deposito dove la banda stoccava la merce rubata era in via De Gasperi. Perquisiti anche due appartamenti nell'hinterland

Una delle borse sequestrate

Studiavano colpi in aziende d’alta moda e rubavano borse, accessori e capi firmati. Una banda di cittadini stranieri originari dell’Est Europa è stata arrestata venerdì nel tardo pomeriggio dalla Polizia di Stato a Vedano al Lambro grazie a un’operazione condotta dal commissariato di Monza in collaborazione con i colleghi di Modena e il personale della Squadra Mobile di Vicenza.

Si tratta di sette soggetti moldavi, ucraini e romeni, molti dei quali con diversi precedenti penali alle spalle, sorpresi in Brianza proprio mentre stavano stoccando un ingente quantitativo di borse di marca rubate e di computer portatili in un garage usato come deposito in via De Gasperi 15 a Vedano al Lambro.

I poliziotti hanno fermato e arrestato i criminali mentre smistavano duecentoventicinque borse da donna in pelle di varia fattura e sedici pc rubati la notte precedente a Montebello Vicentino, presso la fabbrica di accessori di alta moda “Bottega Veneta”. La polizia, durante gli accertamenti collaterali all’attività di indagine, è riuscita anche a risalire a due appartamenti riconducibili al sodalizio criminale. Si tratta di due abitazioni situate a Cinisello Balsamo, in via Monte Santo e in via Dante Alighieri, dove è stata trovata altra merce di lusso di illecita provenienza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I poliziotti hanno rinvenuto cinquanta borse da donna di marche prestigiose, telefoni cellulari, sim card e computer. Oltre alla merce trafugata è stata sequestrata anche un’auto utilizzata dalla banda per mettere a segno il furto a Montebello Vicentino. Sono ancora in corso una serie di accertamenti perché gli inquirenti sospettano possano esserci altri depositi utilizzati dal sodalizio criminale per stoccare la merce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Gita da Monza, una giornata a bordo del Treno del Foliage per vivere la magia dell'autunno

  • Coronavirus, boom di casi a Monza e Brianza (+180): nuovi ricoveri al San Gerardo

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

  • Il coronavirus torna a far paura: "Situazione può diventare esplosiva, adesso Monza rischia"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento