menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una foto scattata durante il Consiglio provinciale a Desio

Una foto scattata durante il Consiglio provinciale a Desio

La Brianza riparte dalla legalità nel nome di Paolo Borsellino

Consiglio provinciale aperto a Desio, nella città simbolo della lotta alla 'ndrangheta. Il difficile cammino dopo l'operazione Infinito del 2010, che portò alla caduta della Giunta

DESIO – Ripartire dalla legalità. Lottare contro la «pervasività» della criminalità organizzata nel tessuto locale con un gesto forte: un consiglio comunale aperto a tutte le istituzioni brianzole a Desio: la città che – a torto o ragione – è diventata il comune simbolo dell’infiltrazione mafiosa. Ma che ora sta diventando un punto di riferimento nella ricostruzione di una vera e propria «cultura della legalità».

INSIEME - Nel giorno in cui – vent’anni fa – Paolo Borsellino veniva assassinato dalla mafia, Desio e Provincia di Monza si sono unite per la legalità. All’ordine del giorno la mozione «costruire la cultura della legalità e combattere le mafie». Sono arrivati il presidente della Provincia MB Dario Allevi, il sindaco di Desio, Roberto Corti. Erano presenti anche il prefetto di Monza e Brianza Giovanna Vilasi, numerosi sindaci della Brianza monzese, il comandante del gruppo carabinieri di Monza Giuseppe Spina, il vicequestore Francesco Scalise e il comandante della polizia provinciale MB, Flavio Zanardo.

TRASPARENZA - «Dopo l’Operazione Infinito – ha spiegato Corti - che ha portato alla caduta dell’amministrazione comunale, Desio è diventata una città simbolo nell’impegno di rafforzare la trasparenza e la legalità nella pubblica amministrazione, in particolare contro la corruzione e l’infiltrazione mafiosa».
«La morte di Falcone e Borsellino – ha detto il presidente della Provincia MB Dario Allevi – è avvenuta perché questi grandi servitori dello Stato sono stati lasciati soli. Oggi è importante non abbandonare i nostri uomini migliori».
«Oggi più che mai – ha aggiunto il prefetto di Monza e Brianza Giovanna Vilasi – è importante poter avere fiducia nelle istituzioni. La legalità può esistere solo se diventa un valore presente nel nostro substrato culturale».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Nel parco di Monza fiorisce l'aglio orsino: tutte le curiosità

  • Cronaca

    "Tesoro ritorna!" Una dichiarazione d'amore appesa sul palo della luce

  • Scuola

    Come sarà la maturità 2021? Tutte le risposte

Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento