Cronaca Via Molinara

Pedemontana, in 1200 per dire no alla super autostrada

La manifestazione è stata la prima tappa di un'iniziativa di protesta in tutta la Brianza: ora la protesta sfilerà a Lesmo, Cesano Maderno e Arcore

Un momento del corteo (foto: Fabrizio Radaelli)

DESIO – Più di 1200 persone hanno partecipato ieri pomeriggio a una manifestazione «No Pedemontana» promossa dal Comitato beni comuni di Monza e Brianza. Hanno dato la loro adesione 27 tra associazioni ecologiste, comitati locali e gruppi politici. Dopo il concentramento in piazza Conciliazione, i manifestanti si sono dati appuntamento in via Molinara: un luogo altamente simbolico, dove sarà costruito lo svincolo più grande d’Europa. Il corteo – secondo gli organizzatori - è la prima tappa di un’iniziativa che si propone l’obiettivo di bloccare la super autostrada lombarda creando un movimento di opinione. Le prossime tappe in Brianza saranno Lesmo, Cesano Maderno e Arcore.

desio pedemontana foto Ptb-2

TENSIONE - Momenti di tensione – in realtà assai modesti – quando alcuni membri dei centri sociali si sono scontrati con gruppi ambientalisti di estrema destra. Altro istante fuori le righe: quando alcuni ragazzi sono saliti al decimo piano della torre incompiuta del Polo tecnologico della Brianza di Desio (nella foto di Fabrizio Radaelli) per esporre uno striscione.

PARTECIPAZIONI ESTERNE  - Alla manifestazione si sono uniti anche alcuni comitati nazionali che lottano contro altri tracciati: i No Tav della Val di Susa e i No Tem contrari alla Tangenziale Est Esterna lombarda. «Pedemontana – ha sostenuto Legambiente nei suoi striscioni - costerà 51 milioni di euro a chilometro e alla fine si pagherà qualcosa come cinque miliardi di euro. Non segnerà progressi nella viabilità, non creerà posti di lavoro. Manca perfino una seria copertura economica i lavori sono partiti senza un contratto con le banche impegnate a sostenere l’opera».

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedemontana, in 1200 per dire no alla super autostrada

MonzaToday è in caricamento