Sentenza per l'operazione Infinito: 40 condanne

Operazione Infinito: Al capoclan della ndrina locale la pena più alta per associazione mafiosa. A Desio 300mila euro di risarcimento: quanti ne ha ottenuti la Regione Calabria. Risarcimenti anche a Seregno e alla provincia MB

DESIO - Quaranta condanne e tre assoluzioni: questo il verdetto dei giudici nel processo seguito all'operazione "Infinito". Pio Candeloro, capo della locale di Desio, è stato condannato a vent'anni di reclusione per il reato di associazione mafiosa assieme a Carlo Chiriaco, ex direttore della Asl di Pavia che dovrà scontare 13 anni per concorso esterno. Condannati anche il boss Pino Neri (18 anni) e Vincenzo Novella, altro esponente di spicco della 'ndrangheta (16 anni).

INFINITO: LE CONDANNE IN PRIMO GRADO PER I BOSS DI DESIO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • È a Monza uno dei migliori ristoranti d'Italia secondo il Gambero Rosso

  • La pensione di dicembre e la tredicesima arrivano il 25 novembre: la novità in Brianza

  • C'è una prof. brianzola tra le cento donne più influenti al mondo

  • Salute Donna e il San Gerardo piangono la morte di Licia, l'infermiera dal cuore buono

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

Torna su
MonzaToday è in caricamento