20 anni al boss Candeloro Pio: Desio si conferma capitale della ndrangheta

Operazione Infinito: al boss della ndrina locale la pena più alta per associazione mafiosa. Al comune brianzolo anche 300mila euro di risarcimento: quanti ne ha ottenuti la Regione Calabria. Rimborsi anche a Seregno e alla provincia MB

DESIO – Alla fine la pena più pesante è andata a Candeloro Pio, il capo della ndrina di Desio. Il comune brianzolo ha ottenuto anche un maxi risarcimento di 300mila euro: quanti ne ha ottenuti la regione Calabria. Desio ancora una volta si è confermata la «capitale» della 'ndrangheta trapiantata in Lombardia. A rivelarlo sono state le carte dell’ottava sezione penale del Tribunale di Milano. Il processo di primo grado dell’Operazione Infinito si è concluso con 41 condanne e tre assoluzioni.

LA SENTENZA - Candeloro PIo, il capoclan della locale di Desio, è stato condannato a 20 anni di reclusione per associazione mafiosa. Carlo Chiriaco, ex direttore della Asl di Pavia, ha avuto 13 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. Diciotto anni è la pena per il boss Pino Neri e 16 anni per Vincenzo Novella, altro esponente di spicco della ndrangheta. Dodici anni di reclusione per Ivano Perego, della Perego General Contractor, e 13 anni e sei mesi per l'ex carabiniere Michele Berlingeri.

I condannati dovranno anche versare una serie di maxi risarcimenti alla Regione Lombardia (1 milione e 200 mila euro), alla presidenza del Consiglio dei Ministri al ministero dell'Interno e al ministero della Difesa(500mila euro). Trecentomila euro sono stati stabiliti anche per il comune di Bollate (200mila euro), il comune di Pavia (300mila euro), la provincia di Monza-Brianza (300mila euro) e il comune di Seregno (300mila euro).

L'OPERAZIONE "INFINITO" - La storica inchiesta "Infinito", venuta clamorosamente alla ribalta nel luglio 2010 quando erano state arrestate 300 persone in tutta Italia – 160 in Lombardia – ha svelato quanto fossero profonde le radici della ndrangheta nella nostra regione. In particolare in Brianza, e a Desio. Gli affari della cosca cittadina, la prima a nascere ma anche una delle più vivaci e influenti in Brianza, spaziavano in settori come estorsioni, usura, stupefacenti e armi. E poi il traffico di rifiuti tossici con la creazione della maxi discarica con 140mila metri cubi di rifiuti tossici – piombo, oli esausti e cromo esavalente – inghiottiti dal sottosuolo di Desio. Se Domenico Pio si occupava delle estorsioni, il fratello Candeloro rappresentava il «braccio armato» della cosca. E armati («accavallati» in dialetto calabrese) spesso gli uomini del gruppo giravano sul territorio. Un’altra attività dove la cosca era forte e voleva assumere il totale controllo è quella dei trasporti su strada:  Candeloro Pio  – che di mestiere faceva l’autotrasportatore – voleva controllare il gasolio, che doveva essere fornito solo a persone da lui indicate.

EDILIZIA - Sul fronte dell’edilizia si concentrano invece le attenzioni dei Moscato. Dalle intercettazioni ambientali emerge un quadro in cui la cosca stava preparandosi, anche attraverso contatti con il mondo politico – per esempio con l’ex assessore regionale Massimo Ponzoni, l’ex capo dell’ufficio tecnico del comune di Desio R.P. e l’ex assessore desiano Antonino Brambilla  – per far approvare un Pgt dove il territorio veniva modellato a uso e consumo dei loro affari. Intensa era anche l’attività per costituire società di facciata riconducibili a imprenditori puliti per partecipare alla grande torta degli appalti di’Expo 2015.

Aggiornamento 18/12/2018: R.P. è stato assolto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • A Monza apre il "nuovo" Bennet, nell'ex Auchan confermati 100 dipendenti

  • Covid, si rischia un nuovo lockdown? "Non ci sono più strumenti per contenere i contagi"

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

  • Lissone, infortunio sul lavoro in azienda: morto un uomo

  • Auto prende fuoco dopo incidente, passante spacca vetro e salva vita a un ragazzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento