Disastro ferroviario di Pioltello, ecco la ricostruzione 3d: è tra le prove della Procura

Il video è tra le prove della procura. Sono nove i manager e dipendenti di Rfi coinvolti nell’inchiesta

Sono state chiuse le indagini per il disastro ferroviario di Pioltello del 25 gennaio 2018. E tra le prove della procura c'è anche un video con la ricostruzione tridimensionale del deragliamento.

Il filmato dura circa otto minuti e ricostruisce l'intero incidente. Non solo: nelle immagini viene mostrato anche il modello tridimensionale della rotaia da cui si è staccato il pezzo che con ogni probabilità avrebbe determinato l'incidente. Secondo quanto si evince dalla ricostruzione al momento in cui il treno attraversava il punto in cui è iniziato il deragliamento "viaggiava a 130 chilometri, in quel tratto la velocità consentita è fino a 180, ma in presenza di ammaloramento della linea dovrebbe viaggiare a 50 chilometri", ha spiegato il procuratore aggiunto di Milano Tiziana Siciliano.

Un incidente "di estrema gravità e che ha causato un grave allarme sociale" che ha richiesto "indagini lunghe e complesse", ha aggiunto il magistrato Tiziana Siciliano, coordinatrice delle indagini. La ricostruzione è stata realizzata attraverso dati raccolti e analizzati dalla polizia scientifica e ha "il massimo rigore scientifica, ossia ripetibile e con dati certi", ha aggiunto l'esponente della procura.

QUI IL VIDEO COMPLETO

Disastro di Pioltello, gli indagati

Sono nove i manager e dipendenti di Rfi coinvolti nell’inchiesta milanese sull’incidente del treno Milano-Cremona 10452 che deragliò. Tra questi l’amministratore delegato Maurizio Gentile e il direttore di produzione di Rfi, Umberto Lebruto. Sono accusati dai pm di non aver adottato “tutte le misure di prevenzione necessarie atte a garantire l’integrità fisica di tutti i lavoratori di Trenord e di tutti i viaggiatori percorrenti la linea Milano-Venezia”. Inoltre i due manager non avrebbero predisposto “attrezzature idonee ai fini della sicurezza” di lavoratori e passeggeri, “non assicurando che l’infrastruttura fosse mantenuta in buono stato di efficienza per la sicura circolazione dei treni e dei veicoli”. E questo “nonostante i ripetuti e frequenti episodi di rotture di giunti su tutto il territorio nazionale”.

Quanto ai vertici dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria, il direttore Amedeo Gargiulo e il responsabile del settore ispettorato e controlli, sono accusati di “avere omesso di procedere con ispezioni e indagini nei confronti di Rfi” senza “obbligare” il gestore della rete ferroviaria italiana a mettere in atto “tutte le necessarie misure di controllo del rischio”. Le accuse contestate dalla procura di Milano ai dodici indagati sono disastro ferroviario colposo, omicidio colposo plurimo e lesioni colpose.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Valassina, pirata della strada travolge coppia in moto: un morto e un ferito

  • Tragedia a Lazzate, uomo trovato cadavere in via Enrico Fermi: indagano i carabinieri

  • Le meraviglie di Monza celebrate in televisione, in città le riprese della Rai

  • Guida ubriaco e travolge moto uccidendo donna poi abbandona auto: arrestato 30enne

  • Ombrelli sopra il centro di Monza, ecco perchè la città si è coperta di verde

  • Ubriaco travolge coppia in moto sulla Valassina poi scappa: morta donna monzese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento