menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I disegni dei bambini fuori dalle scuole: "Vogliamo tornare dai nostri compagni"

Sono comparsi a Villasanta, fuori dalla scuola Oggioni. Intanto mercoledì pomeriggio una mamma monzese organizza un sit-in sotto l'Arengario: basta didattica a distanza

Voglio tornare a scuola. Questa la frase che spicca sul disegno fatto probabilmente da un bambino delle prime classi elementari. Il nome è sbiadito, ma quell'appello si legge benissimo.  Vicino lo schizzo della scuola e di alcuni bambini.
Accanto un altro disegno. L’autore è Federico, della I B. Il disegno rappresenta il bimbo e  suo papà in un prato in una bella giornata di sole. La scritta è inequivocabile “è brutto stare a casa”.

I due disegni sono appesi fuori dalla scuola Oggioni di Villasanta. La voglia di ritornare in classe è tanta, di stare insieme ai compagni e alla maestra. Il ritorno alla didattica alla distanza, già sperimentata l’anno scorso, non piace. Né ai bambini, né ai genitori.

A Monza il sit-in delle mamme: "Fateli tornare in classe"

Tanto che a Monza domani, mercoledì 10 marzo, alle 15 in Arengario si svolgerà il presidio “Stop Dad”. Lo slogan: “Che sia arancione, giallo o rosso la scuola sempre al primo posto”.

Una manifestazione pacifica e nel pieno rispetto delle prescrizioni covid per chiedere la riapertura delle scuole, e il ritorno alla didattica in presenza. Un’iniziativa organizzata da una mamma monzese esasperata dalla Dad: con due bambine di 7 e 4 anni chiuse in casa, e con un solo pc.
“Naturalmente non si parlerà di politica, né neghiamo l’esistenza del virus – spiega -. Io, come penso tante altre mamme, vorremmo che la scuola riaprisse. Naturalmente in totale sicurezza”.

Una mamma delusa, amareggiata e sconfortata all’idea di dover ripercorrere quel calvario già vissuto un anno fa. “Ai nostri bambini è stato chiesto tanto e sono stati bravissimi. Perché penalizzarli ancora?”.

A Monza è da settimane che  ogni venerdì pomeriggio insegnanti e genitori organizzano un presidio in centro. La richiesta, anche in questo caso, è solo una: fate tornare i nostri bambini e i nostri adolescenti in classe. Naturalmente in sicurezza.

Intanto anche fuori da un condominio di Monza di San Fruttuoso sono comparsi cartelli con le scritte "Questa casa non è una scuola"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il supermercato alle porte della Brianza dove 'si fa la spesa gratis'

social

Besana Brianza, in coda per il vaccino c'è Maurizio Vandelli

Coronavirus

Per la Lombardia sarà l'ultima settimana in zona arancione?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Come funziona la truffa del pacco (e come difendersi)

  • Economia

    Validità e regole per il bonus vacanze 2021

Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento