rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
Cronaca San Gerardo / Via Giambattista Pergolesi

Il marito muore per un infarto, lei dona un macchinario al 118

La donazione attraverso l'associazione Brianza per il cuore

Paolo Colombo nell'aprile 2020 è morto a causa di un arresto cardiocircolatorio. Oggi, a due anni di distanza, la moglie Christina Gueli ha voluto ricordare la memoria del marito donando all'associazione Brianza per il cuore un contributo per l'acquisto di uno dei tre videolaringoscopi, uno strumento prezioso per la gestione dell’intubazione delle vie aeree, a tutti livelli di difficoltà, portatili, con lame monouso con cui è possibile gestire tutte le categorie di pazienti. Un'apparecchiatura donata nel ricordo dell'amato compagno di vita.

A che cosa servono

Le 3 apparecchiature, donate dallo storico sodalizio monzese da anni impegnato in prima linea in progetto per la prevenzione delle malattie cardiocircolatorie, sono state destinate in comodato d’uso alle automediche per il Servizio di soccorso sanitario extraospedaliero 118 del territorio afferente all’AAT di Monza, secondo le indicazioni operative definite da Areu (Agenzia regionale emergenza urgenza). 

L'importanza delle associazioni

“Ringrazio ancora una volta Brianza per il Cuore - sottolinea Silvano Casazza, direttore generale dell'Asst Monza - che attraverso questa ennesima donazione permetterà di essere tempestivi nella fase del primo soccorso. Le eccellenze non sono solo quelle della sanità, espresse dalla corretta gestione dell’emergenza nei momenti di primo soccorso e dall’efficacia delle cure erogate nei reparti del nostro presidio ospedaliero, ma sono anche quelle messe in campo dalle associazioni e dal volontariato che ci permettono di fare rete sul territorio e squadra nella cura dei cittadini, come dimostrato anche in questa occasione in sinergia con l’Azienda regionale emergenza urgenza”.

La consegna della donazione

Donazione Brianza per il cuore-2

Apparecchi fondamentali

“I videolaringoscopi sono apparecchiature che consentono la visione endoscopica della laringe attraverso una minitelecamera posta sulla punta di un endoscopio rigido o flessibile - spiega Alberto Zoli, direttore generale di Areu - e sono di grande utilità nel caso in cui si debba intubare un paziente in condizioni difficili, specialmente nel caso di alcune patologie che rendono difficoltosa l'intubazione tradizionale. Per questo siamo particolarmente grati a Brianza per il Cuore che ha donato questi preziosi dispositivi, e all’Asst Monza che conferma la proficua collaborazione con Areu”.

Gli altri aiuti dell'associazione 

Questa non è la prima donazione che Brianza per il cuore fa all'ospedale San Gerardo di Monza: in passato ha acquistato e donato al nosocomio i massaggiatori automatici Lucas, gli ecografi portatili, i defibrillatori e ai lifepak in grado di registrare e trasmettere un elettrocardiogramma. “Brianza per il Cuore è sempre molto orgogliosa di poter aiutare il 118 Monza e Brianza dotando i mezzi di soccorso del nostro territorio con apparecchiature importanti e all’avanguardia per le gravi emergenze - aggiunge Laura Colombo, presidente di Brianza per il Cuore -. Maggiori sono le dotazioni e migliori e più efficaci sono gli interventi per la salute dei nostri cittadini. Ulteriori apparecchi che si aggiungono ai tanti donati negli anni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il marito muore per un infarto, lei dona un macchinario al 118

MonzaToday è in caricamento