Con i soldi delle rapine compravano droga e armi: arrestata una banda italo-albanese

Sequestri anche in Brianza

Un sequestro

Ventisette italiani e sei albanesi sono stati raggiunti da un'ordinanza di custodia cautelare in seguito ad una indagine relativa allo spaccio di droga durata oltre un anno intero. Dei trentatré, nella mattinata dell'11 aprile ne mancano cinque all'appello, che gli uomini della squadra mobile - guidati da Lorenzo Bucossi - stanno cercando, tra la Brianza, la Comasina e il quartiere Tessera di Cesano Boscone.

L'indagine è stata coordinata, in procura, da Marcello Tatangelo e Ilda Boccassini. Tutto è iniziato quando gli inquirenti hanno iniziato a indagare sui proventi illeciti che alcuni rapinatori reinvestivano nel traffico di droga e nello spaccio in due quartieri della criminalità "storica" milanese, Tessera e Comasina. I gruppi di spaccio sgominati sono due, distinti tra loro, nei due quartieri; e gli albanesi rappresentavano un livello "superiore" rispetto a quello degli italiani.

I primi si occupavano di approvvigionare la droga (cocaina e marijuana), importandola prevalentemente dall'Olanda mentre gli altri la rivendevano a livello locale. Nel corso dei mesi d'indagine sono state messe a segno diverse "mini operazioni", con sequestri di droga, contanti, armi e arresti. Anche in zone della Brianza come il sequestro di 105 grammi di cocaina e ventimila euro in contanti avvenuto a Brugherio nel dicembre 2014 o ancora i 166mila euro finiti nelle mani dei poliziotti a novembre 2015 a Lentate sul Seveso dove sono scattate le manette anche per tre persone.

In totale, sono stati sequestrati venti chili di cocaina, quaranta chili di marijuana e cinquecentomila euro in contanti. E poi beni mobili e immobili (una decina di case e box, una dozzina di automobili) per un valore di oltre un milione di euro. Ancora, trentadue conti correnti ancora da analizzare. E infine, sono state trovate armi. Una pistola semiautomatica ma soprattutto una mitraglietta a scoppio: quest'ultima fa pensare certamente ad una banda strutturata, capace di reperire un'arma non facile da trovare sul mercato nero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

  • L'inseguimento, l'ultima telefonata al padre e poi il suicidio: si indaga sulla morte di un 28enne di Lentate

Torna su
MonzaToday è in caricamento