menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fucile Mauser K98, particolare (Repertorio)

Fucile Mauser K98, particolare (Repertorio)

Padre e figlio nei guai a Lissone: droga e armi da guerra in casa

La droga trovata nella camera del ragazzo, arrestato: il genitore è stato invece denunciato per possesso di armi

I carabinieri sono arrivati a casa sua, a Lissone, alle quattro di pomeriggio di lunedì 8 agosto, certi di trovare droga. E infatti l'hanno trovata: nella sua stanza, un giovane italiano di 26 anni aveva venti grammi di marijuana, venti di hashish e un bilancino di precisione. Merito di alcune segnalazioni provenienti dal territorio: del resto, il ragazzo aveva già precedenti specifici.

Grande sorpresa, però, nel perquisire il resto dell'appartamento. In soggiorno, dietro ad un divano-letto, c'era una coperta di lana bianca, ripiegata a cilindro. I carabinieri l'hanno aperta e hanno scoperto che, all'interno, erano nascoste diverse armi da guerra: due mitragliatrici Beretta, due fucili di fabbricazione italiana, un moschetto Carcano 91/38, un fucile K98 Mauser e diversi proiettili.

Le armi, piuttosto vecchie, non sono utilizzabili, paiono più che altro "cimeli da collezionista" anche se è strano il loro nascondiglio. Il 26enne ha affermato che il loro proprietario è il padre, un 52enne con piccoli precedenti e sprovvisto di porto d'armi. I carabinieri lo hanno denunciato per detenzione abusiva di armi da guerra. Il 26enne, invece, è finito in carcere per spaccio di droga. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cinque cose insolite da vedere in Brianza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento