Mamma porta la droga al figlio in carcere: fermata e denunciata

Nei guai è finita la madre di un trentenne sudamericano, pregiudicato e detenuto in carcere a Monza. La donna è stata fermata e denunciata

La donna è stata denunciata - Foto repertorio

Ha cercato di portare un “regalino” al figlio in carcere. Peccato, però, che il dono fosse illegale e, evidentemente, vietato. 

Una donna è stata denunciata nei giorni scorsi dalla polizia penitenziaria del reparto colloqui del carcere di Monza per aver cercato di introdurre una dose di droga nella casa circondariale brianzola. 

La donna, quasi sicuramente, avrebbe voluto consegnare la droga al figlio, un detenuto sudamericano di trent’anni, durante il colloquio. 

Soltanto due settime fa, sempre nel carcere monzese, era avvenuto un episodio praticamente identico. In quel caso una donna aveva nascosto della droga nelle mutande per portarla a suo marito

“Ancora una volta - ha commentato Donato Capece, segretario generale del Sappe - i bravi agenti di polizia penitenziaria in servizio a Monza hanno colto in flagranza il tentativo di passaggio della droga da parte di un familiare al congiunto detenuto. Sono stati bravi e attenti e a loro andrebbe riconosciuto un adeguato apprezzamento da parte del ministero della giustizia e del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria per la professionalità, l’attenzione e lo spirito di servizio”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Far circolare dello stupefacente in un carcere - ammette Capece - è ovviamente deleterio e pericoloso, tanto più se si considera che anche questo detenuto, pur se pluripregiudicato, è ristretto in un regime penitenziario aperto, con controlli minimi di polizia per effetto della incomprensibile scelta del sistema della vigilanza dinamica, introdotto nelle carceri dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, che consente ai detenuti di stare molte ore al giorno fuori dalle celle, mischiati tra loro, senza fare nulla e con controlli sporadici ed occasionali della polizia penitenziaria”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla Valassina, pirata della strada travolge coppia in moto: un morto e un ferito

  • Tragedia a Lazzate, uomo trovato cadavere in via Enrico Fermi: indagano i carabinieri

  • Le meraviglie di Monza celebrate in televisione, in città le riprese della Rai

  • Guida ubriaco e travolge moto uccidendo donna poi abbandona auto: arrestato 30enne

  • Ombrelli sopra il centro di Monza, ecco perchè la città si è coperta di verde

  • Ubriaco travolge coppia in moto sulla Valassina poi scappa: morta donna monzese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento