Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca Centro Storico / Via Italia

Elemosina con un neonato in braccio: denunciati due 20enni

I due, marito e moglie, entrambi romeni, sono stati fermati dalla polizia locale in via Italia. Con sé avevano il figlio, un neonato di quattro mesi. I vigili hanno avvisato gli assistenti sociali del Comune. La storia

Lo hanno osservato a lungo mentre fermava tutti i passanti, con atteggiamenti molesti e fastidiosi. Lo hanno visto aggirarsi tra le vie del centro con una sorta di fagotto di coperte tra le braccia. E lo hanno scoperto mentre costringeva un anziano a cambiare strada per scappare alle sue continue e pressanti richieste.  

Lunedì mattina, poco dopo le 11, due agenti in borghese della polizia locale di Monza hanno denunciato A.C., cittadino romeno del ’91, e G.L., romena del ’93, con l’accusa di impiego di minori nell’accattonaggio. 

Il giovane è stato trovato dai vigili a chiedere l’elemosina in via Italia, in pieno centro città. Gli uomini della locale, impegnati in un servizio in abiti civili, lo hanno “pedinato” a lungo e al momento giusto sono entrati in azione. 

Durante l’identificazione, gli agenti hanno scoperto quel “fagotto” era un neonato di quattro mesi, figlio della coppia, che il ventiquattrenne portava con sé a chiedere l’elemosina.

Pochi istanti dopo il fermo, è arrivata anche la donna, moglie del ragazzo e madre del piccolo, che ha spiegato di non essere a conoscenza del “lavoro” del compagno e di essersi allontanata poco prima per fare la spesa in un vicino supermercato. 

I vigili li hanno denunciati e non hanno potuto far altro che segnalare la situazione ai servizi sociali del comune di Monza, che hanno promesso un intervento immediato. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elemosina con un neonato in braccio: denunciati due 20enni

MonzaToday è in caricamento