Ragazzina scomparsa a Pioltello, la telefonata alla madre: "Lei è roba nostra, non la vedi più"

I genitori di Elena raccontano a "Chi l'ha visto?" le telefonate ricevute da un uomo

Una telefonata folle, spaventosa. Un appuntamento poi andato a vuoto. E altre chiamate, fatte di minacce e mezze verità. È sempre più fitto il mistero sulla scomparsa di Elena, la ragazzina di quattordici anni di Pioltello sparita nel nulla dalla mattina del 14 gennaio, quando era uscita di casa per andare a scuola, dove però non era mai arrivata. 

Da quel giorno i suoi genitori non hanno avuto più sue notizie e per ora sono caduti nel vuoto tutti gli appelli. Ma stando a quanto raccontato dalla madre Carmen a "Chi l'ha visto?" qualcuno che si è messo in contatto con loro c'è stato. 

Video | Il servizio di Chi l'ha visto? (da min. 29)

Quello stesso giorno, infatti, la mamma e il papà di Elena hanno ricevuto una telefonata da un uomo misterioso che ha detto: "Non ti preoccupare per tua figlia, tua figlia è da me. È roba mia e basta, non te la posso portare più". Dopo l'intervento del padre della 14enne, i genitori sarebbero riusciti a ottenere un appuntamento a Mortara per "riavere" la piccola: a quell'incontro, però, "non si è presentato nessuno", ha raccontato Carmen. 

I carabinieri, sempre stando a quanto riferito dalla donna, hanno anche già rintracciato il proprietario della scheda dalle quale sono partite le telefonate: si tratterebbe dello zio di un ragazzo che è sospettato di essersi allontanato con Elena. Ma della giovane al momento si sono perse tutte le tracce. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contattato dal giornalista di "Chi l'ha visto?", l'uomo misterioso ha giurato di non sapere dove sia la 14enne e ha spiegato di non avere nulla a che fare con la sua sparizione. Durante un'altra telefonata, però, qualcuno aveva detto alla mamma di Elena: "Anche se mi faccio trenta anni di galera devi scordarti di tua figlia".   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parcheggia l'auto e va al cinema, due ore dopo la trova "sventrata" e senza volante

  • Gita da Monza, una giornata a bordo del Treno del Foliage per vivere la magia dell'autunno

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • La "gardella hash", la nuova potentissima droga sequestrata a Monza

  • "Stop a spostamenti e attività dalle 23 alle 5 in Lombardia": la proposta al governo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento