menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Influenza, è emergenza anche al Pronto Soccorso di Vimercate

Accessi in aumento anche a Carate Brianza

L’influenza stagionale ha colpito anche la Brianza e, come successo a Monza nei giorni successivi al Natale, anche a Vimercate e Carate si fronteggia l’emergenza e il sovraffollamento.

L’Asst di Vimercate ha messo in campo tutte le forze per affrontare l’iperafflusso del pronto Soccorso che conta 73.106 accessi annuali. Per i malanni di stagione e le complicazioni legate all’influenza invece negli scorsi giorni in ospedale si sono registrati picchi di 247 accessi (sessanta dei quali bambini) che hanno fatto scattare l’emergenza e portato all’attivazione di alcune misure organizzative temporanee con incremento del personale sanitario presente e dei posti letto disponibili.

“L’attività nel PS è costantemente a livello di sovraffollamento sia nelle ore diurne che durante la notte- afferma il direttore generale Pasquale Pellino - In costante contatto con la Direzione Aziendale e la Rete dell’Emergenza Territoriale, medici e infermieri svolgono la loro attività mettendo in campo il massimo impegno, prolungando le loro presenze in supporto ai colleghi ove le situazioni di criticità lo richiedano secondo procedure preventivamente stabilite e sviluppando tutte le sinergie necessarie per una efficace risoluzione dei casi più complessi, cercando di soddisfare tutte le richieste e ridurre, per quanto possibile, anche le attese dei pazienti che manifestano problemi di gravità minore”.

A partire dalle ultime due settimane di dicembre, in concomitanza con il picco influenzale e con la chiusura degli ambulatori dei medici e dei pediatri di base nei giorni festivi, si è registrato nel pronto soccorso di Vimercate, un elevato afflusso di pazienti con una media giornaliera di 215 presenze che sono arrivate a un massimo di 247 persone in un giorno del periodo tra Natale e Capodanno. Particolarmente numerosi sono i bambini che presentano quadri febbrili o gastroenterici con la conseguente disidratazione.

Le chiamate al centralino del 118 di Milano e Monza Brianza, sono aumentate di circa il 30 per cento rispetto allo stesso periodo del 2016. La preoccupazione espressa dal 118 riguarda la prossima settimana quando le richieste potrebbero aumentare a causa del previsto abbassamento delle temperature.

La stessa situazione critica si è registrata poi anche al Pronto Soccorso di Carate Brianza. Dai giorni immediatamente precedenti le festività a tutt’oggi la media dei pazienti che si sono presentati giornalmente raggiunge i 140 con una percentuale di codici gialli del 17% contro gli standard del 13-14% rilevati nel corso dell’anno e che erano rimasti invariati nel periodo di fine anno 2015. A Monza invece il Pronto Soccorso del San Gerardo la scorsa settimana aveva sfiorato i 400 accessi giornalieri mentre 250 richieste al giorno sono state gestite dall'ospedale di Desio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MonzaToday è in caricamento