Cronaca

Brutta avventura in vacanza per due escursionisti brianzoli soccorsi

Due coniugi trentenni di Brugherio hanno perso l'orientamento mercoledì durante una passeggiata lungo un sentiero poco battuto a Borca di Cadore in provincia di Belluno e hanno chiesto l'intervento dei soccorsi

Sono partiti per una passeggiata lungo un sentiero in montagna ma hanno perso l'orientamento e chiesto aiuto.

Due coniugi di Brugherio mercoledì sono stati protagonisti di una brutta avventura sulle alture bellunesi di Borca di Cadore.

La coppia di trentenni brianzoli era partita da Peaio per una passeggiata: dopo aver imboccato la ciclabile verso Pieve di Cadore, da Venas ha raggiunto il ponte di Cibiana. Qui i due si sono fatti indicare la strada per rientrare da una persona di passaggio incrociata lungo il tratto di sentiero poco battuto.

"Purtroppo i due turisti hanno presto perso l'orientamento, su quella traccia poco frequentata e non segnalata e, dopo aver tentato di tornare invano sui propri passi, hanno contattato il 118" spiegano dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico Veneto.

La macchina dei soccorsi si è messa in moto e i due escursionisti sono stati rintracciati grazie alle coordinate Gps del punto in cui si trovavano attraverso l'applicazione in dotazione al Soccorso alpino. Ai due turisti è stata inviata dalla centrale operativa una squadra della Stazione di San Vito di Cadore con otto soccorritori impegnati per rintracciarli.

La donna, A.I., 36 anni, ha accusato problemi a camminare per dolori a un piede così i due escursionisti sono stati accompagnati in quad all'abitazione di villeggiatura da dove poi si sarebbero recati al Pronto Soccorso per accertamenti.

Per i due nessuna grave conseguenza, solo un brutto spavento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brutta avventura in vacanza per due escursionisti brianzoli soccorsi

MonzaToday è in caricamento