Paderno, rinviato a giudizio il titolare di Eureco, fabbrica esplosa

Il pubblico ministero ha chiesto il rinvio a giudizio per il titolare dell'azienda di smaltimento rifiuti di Paderno Dugnano: nello scoppio morirono quattro operai. Altri tre rimasero gravemente ustionati a causa dell'incendio

Il fumo che si alzava durante l'incendio alla Eureco

Il pubblico ministero di Milano Piero Basilone ha chiesto il rinvio a giudizio per Giovanni Merlino, titolare della Eureco di via Mazzini, società di smaltimento dei rifiuti - anche pericolosi -di Paderno Dugnano dove il 5 novembre del 2010 morirono quattro operai e altri tre rimasero ustionati in seguito ad un'esplosione avvenuta nella fabbrica. Il fatto accadde poco dopo le 15, in pieno orario di lavoro. Sul posto intervennero ben 13 squadre di Vigili del Fuoco.  Le accuse nei confronti di Merlino, in qualità di amministratore unico della società, sono di omicidio colposo plurimo aggravato (dal numero delle vittime e dalla violazione delle normative sulla sicurezza), lesioni colpose e incendio colposo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Covid, Lombardia dice addio alla zona rossa? Fontana: "Vicini ad allentamento delle misure"

  • Monza, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • A due ore d'auto da Monza, in Valmalenco, un ghiacciaio che ricorda l'Islanda

Torna su
MonzaToday è in caricamento