Seregno, falso cieco truffa l’Inps per 12 anni e 160.000 euro

Il 41enne di Seregno in realtà ci vedeva bene: danni allo Stato per 162mila euro. Tutti i suoi beni sono stati sequestrati ed è seguita una denuncia per truffa aggravata

SEREGNO – Per l’Inps era un cieco «assoluto»: un uomo incapace di percepire neppure le ombre e dunque bisognoso di una pensione di invalido al cento per cento. In realtà camminava per strada, attraversava gli incroci, districandosi senza difficoltà tra le auto in sosta e firmando atti e documenti. La commedia del cieco che ci vedeva benissimo è andata avanti per dodici anni. E all’Inps – cioè a noi - è costata assai cara: 162mila euro.  Una maxi truffa che è costata al falso cieco una denuncia per per truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato.

A smascherarlo è stata la guardia di finanza di Seregno che – insieme alla Procura della Repubblica di Monza ha messo a segno l’«operazione lince»: un blitz che rientra in piano del Governo Monti che si propone l’obiettivo di contenere la spesa pubblica nazionale.

Le indagini hanno accertato che il falso cieco è anche giovane: non ha più di 41 anni. Vive a Seregno e finora sulla sua fedina penale non c’era nulla più di qualche piccolo precedente. Riuscito a ottenere il riconoscimento di cecità assoluta, dal 2000 ha percepito una pensione di invalido civile: un assegno lordo di oltre 1100 euro con il quale poteva vivere senza fare un bel niente.

Le indagini delle fiamme gialle sono andate avanti per mesi. Il 41enne è stato pedinato in tutti i suoi spostamenti quotidiani. Gli investigatori inoltre lo hanno immortalato mentre decantava le doti di un’auto in vendita come solo chi può vederla benissimo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A inchiodare il falso cieco è stata una visita medica, richiesta dal ministero della Sanità: il 41enne è risultato sano come un pesce e soprattutto è stato pesantemente ridimensionato il suo deficit di cieco assoluto. Subito dopo per il brianzolo sono iniziati i guai. La guardia di finanza, ha congelato i suoi beni immobili e il suo conto corrente: in tutto 50mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ecco i 10 comuni brianzoli con più contagi

  • Atti osceni con una ragazza nuda in un giardinetto a Monza, multa da 10mila euro

  • Con il prof. Riva lezioni in lingua: in classe si parla solo in latino

  • Dove fare il vaccino anti-influenzale a Monza e in Lombardia: tutte le informazioni

  • Coprifuoco, centri commerciali chiusi nel weekend e didattica a distanza: le nuove misure anticovid in Lombardia

  • Coronavirus, focolaio all'ospedale di Carate Brianza: 14 operatori positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MonzaToday è in caricamento