Si inventa un falso lavoro per evadere dagli arresti domiciliari. E finisce in carcere

Accusato di evasione e falso in atto pubblico

Per ritagliarsi qualche ora di evasione, un cittadino marocchino di 34 anni si era inventato una carriera di addetto alle pulizie in un’impresa di Milano. E agli ispettori del lavoro, aveva mostrato aanche un libretto di lavoro e un foglio con carta intestata dell’azienda che richiedeva la sua presenza. Indispensabile.

Non era vero niente. E a scoprirlo, i carabinieri di Seregno, non ci hanno messo molto. E’ successo che un pomeriggio il 34enne è rientrato tardi. Appena venti minuti oltre l’orario limite. Ma è bastato perché scattassero degli accertamenti con una telefonata al suo posto di lavoro. Così, il castello di fantasiose menzogne è miseramente crollato. Era falso il libretto di lavoro, falso il contratto di lavoro, inesistente perfino l’impresa di pulizie. Quando i carabinieri sono andati a cercarlo, nella sua abitazione, il 34enne ha fatto la valigia e ha preso il giaccone, senza nemmeno chiedere perché.

Ora si trova nel carcere di Monza, con l’accusa di evasione e falso in atto pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elettra Lamborghini vuole ristrutturare casa e cerca su Instagram l'impresa più veloce

  • "Vogliamo chiedere scusa a chi involontariamente ha investito il nostro gatto"

  • Festa in casa tra ragazzini mentre la nonna dorme ma arrivano i carabinieri: 17 multe

  • Dalla Brianza in dono un cucciolo per superare la morte improvvisa del piccolo Cairo

  • Dal sogno reale alle bollette non pagate: favola senza lieto fine per la Reggia di Monza

  • "Io apro", a Monza c'è chi è pronto ad accogliere al tavolo i clienti il 15 gennaio (nonostante i divieti) e chi no

Torna su
MonzaToday è in caricamento