Girò un video hard con la Tommasi, "produttore pesta una ragazza"

Nuovi guai per Federico De Vincenzo, il 35enne produttore di film hard che ha scontato 17 mesi di reclusione per le presunte violenze sulla Tommasi. Ora è stato rinviato a giudizio perché avrebbe picchiato una ragazza

De Vincenzo - Foto da Facebook

Il suo nome, divenuto famoso per quella storiaccia di presunte violenze e film hard con protagonista Sara Tommasi, è tornato alla ribalta. Ed è tornato a riecheggiare in un’aula di tribunale. 

Nuovi guai giudiziari per Federico De Vincenzo, il trentacinquenne produttore di film hard che ha scontato diciassette mesi di reclusione per le presunte violenze sessuali che si sarebbero consumate su Sara Tommasi durante le riprese di un video hard. 

A denunciare l’uomo, rinviato a giudizio dal tribunale di Monza, è stata una ragazza ventiseienne di Velletri. L’accusa, pesantissima, per De Vincenzo è quella di “lesioni gravi”. 

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, due anni fa, la vittima si sarebbe presentata all’ospedale di Sesto San Giovanni con gravi traumi al volto. A causarle quella frattura al naso e alla mascella sarebbe stato, secondo le indagini finora svolte, proprio De Vincenzo. 

La ragazza, infatti, avrebbe raccontato ai poliziotti di aver trascorso la notte con il produttore in un hotel di Cologno Monzese. Proprio lì, dopo una discussione tra la vittima e il portiere dell’hotel, si sarebbe consumata l’aggressione, con De Vincenzo che avrebbe - secondo gli inquirenti - colpito con un pugno al volto la ragazza. 

Per questo ora dovrà rispondere, davanti al tribunale di Monza, di “lesioni gravi”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, "Probabile terza ondata in Lombardia": la Regione studia il piano per il vaccino

  • Omicidio a Monza, uomo ucciso a coltellate in via Fiume: morto 42enne

  • Ucciso a coltellate in strada a San Rocco, morto un uomo di 42 anni a Monza

  • Natale low cost: 11 idee regalo a meno di 20 euro per gli amici e la famiglia

  • I vestiti sporchi di sangue in lavatrice e il coltello rimesso a posto, fermati due minorenni per l'omicidio di Cristian

  • Brugherio, troppi clienti dentro il negozio nel centro commerciale: multa e attività chiusa

Torna su
MonzaToday è in caricamento